Insurance Trade

Ivass, ci vuole più assicurazione

Nella relazione annuale, l'Istituto ha messo in evidenza le priorità per il futuro del settore dei rischi, uscito con qualche incertezza in più dall'emergenza Covid-19 ma che si appresta ad affrontare la recessione economica con l'eredità dall'anno scorso di un Roe medio del 12%, il doppio rispetto al 2018

18/06/2020
Serve più assicurazione, una maggiore e rinnovata collaborazione tra settore pubblico e settore privato e una migliore educazione assicurativa. Con queste necessità il settore assicurativo esce dall’emergenza Covid-19: un’uscita ancora condizionata dalle evidenti limitazioni alla normale vita di tutti i giorni e con un bagaglio pesante di incognite. Ma anche con alcuni pochi punti di forza. 
In occasione della relazione annuale del presidente di Ivass, Daniele Franco, inviata alle redazioni ma sintetizzata e commentata in un evento web dal segretario generale Stefano de Polis, l’Istituto ha fatto il punto della situazione sulla prima parte dell’anno (molto difficile, ovviamente) e ha dettato le priorità per il settore dei rischi del prossimo futuro. 

Il comparto assicurativo aveva chiuso un 2019 molto positivo, con una raccolta a circa 140 miliardi di euro, con una grande espansione del ramo vita, ma anche con una buona crescita per i settori salute e altri rami danni. La contrazione dell’1% dell’Rca, a sostanziale parità del parco auto, denotava ancora una volta una riduzione dei prezzi (-2,7% anno su anno). 
Ancora più importanti sono state redditività e solvibilità: nel 2019, il Roe medio del settore ha raggiunto il 12%, un dato che è il doppio rispetto al 2018; mentre la solvibilità a dicembre era al 240% in media, cioè 2,4 volte il minimo fissato dalla normativa. In questo scenario, è intervenuto lo shock della pandemia e poi la recessione che ha introdotto molta incertezza. 

A fine marzo, fa sapere Ivass, c’è stata una flessione media del 25% del Solvency ratio: per questo l’Istituto ha iniziato un monitoraggio della solvibilità e della liquidità che ha portato a interventi nei confronti di imprese con solvibilità sotto il 130%. 
Nonostante questi dati restino comunque confortanti, l’Ivass ha ancora una volta sottolineato l’opportunità di interventi più profondi nel meccanismo del volatility adjustment: la crisi ha messo in evidenza l’inadeguatezza degli strumenti europei, ecco perché l’Autorità italiana vuole definire in sede continentale nuove misure per mitigare gli effetti pro-ciclici di una futura crisi sistemica.

Un approfondimento della relazione dell’Ivass sarà pubblicato su Insurance Daily di domani, venerdì 19 giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti