Insurance Trade

L'Ivass chiede alle imprese più trasparenza nei contratti di lunga durata

Le compagnie, da ora, dovranno indicare in modo chiaro nella polizza la misura dello sconto applicato

06/11/2013
Nei contratti di assicurazione danni di durata pluriennale (malattia, infortuni, responsabilità civile generale etc.) le imprese dovranno indicare chiaramente se il contratto ha beneficiato di uno sconto a causa della sua lunga durata e che, a fronte dello sconto applicato, il contraente non può esercitare la facoltà di recesso dal contratto per i primi cinque anni. A stabilirlo è l'Ivass, che in una lettera inviata ieri è intervenuto presso le imprese di assicurazione per garantire ai consumatori maggiore tutela in questo tipo di contratti. Sulla base dei reclami arrivati all'Ivass - spiega l'Autorità in una nota - risulta infatti che molte imprese attuano le disposizioni della legge n. 99/2009 in materia di recesso dai contratti pluriennali in maniera non coerente con i principi di correttezza e trasparenza che devono ispirare le relazioni con i clienti". Questa legge ha infatti eliminato la facoltà per l'assicurato di recedere ogni anno dal contratto, prevedendo tuttavia, per gli assicurati che assumono un impegno contrattuale di più lunga durata, il diritto di ottenere uno sconto rispetto al premio per il contratto di durata annuale. Tuttavia molte imprese non indicano nel contratto la misura dello sconto applicato e, quando il consumatore chiede di recedere dal contratto, si vede rispondere dall'impresa che ciò non è possibile, in quanto il contratto ha beneficiato della riduzione. Secondo quanto stabilito dall'Ivass, dunque, "le imprese, d'ora in poi, dovranno indicare nella polizza, in modo chiaro, la misura dello sconto applicato, con l'avvertenza per il consumatore che, avendo beneficiato dello sconto, non può recedere dal contratto per i primi cinque anni".

Nella foto: il presidente dell'Ivass, Salvatore Rossi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

👥

Articoli correlati

I più visti