Insurance Trade

Cyber risk, potenziali danni per 76 miliardi di dollari

Questa potrebbe essere la conseguenza per le Pmi europee di un attacco ransomware globale, spiega uno studio del CyRim (Lloyd’s)

29/01/2019
Un attacco ransomware globale potrebbe costare alle imprese europee fino a 76 miliardi di dollari. È quanto afferma il nuovo studio del progetto CyRim (Cyber risk management), iniziativa pubblica-privata con sede a Singapore, della quale i Lloyd’s sono tra i soci fondatori e che ha l’obiettivo di valutare i rischi cyber a livello mondiale.
Il rapporto, dal titolo Bashe attack: global infection by contagious malware, spiega che alcune tipologie di attacchi potrebbero causare perdite gravi in conseguenza della ridotta produttività e consumi, degli elevati costi di ripristino dei sistemi IT, del pagamento di riscatti e l’interruzione della catena di fornitura. Ciò avverrebbe, ad esempio, in caso di un grave attacco di ransomware lanciato attraverso una email infetta che, una volta aperta, verrebbe inoltrata a tutti i contatti, criptando tutti i dati presenti in tutti i dispositivi connessi alla rete: l’infezione si potrebbe diffondere velocemente in tutto il continente e obbligare le società a pagare un riscatto per poter decriptare i loro dati oppure a dover sostituire tutti i dispositivi infetti.

Pmi non sufficientemente protette


Secondo la Lloyd’s City risk index, gli attacchi cyber sono la seconda maggiore minaccia in Europa, non a caso lo studio rivela che nel Vecchio Continente c’è il numero più elevato di società colpite da attacchi cyber. La maggiore penetrazione di Pmi e la debolezza delle loro misure a protezione della sicurezza informatica sono fattori chiave alla base dell’elevato numero di aziende colpite in Europa. Il report del CyRim stima che i settori retail, servizi e manifatturiero siano i principali destinatari degli attacchi, prevedendo anche elevate perdite indirette in conseguenza degli effetti del contagio sul commercio internazionale. Il 50% dei beni europei è trasportato per mare e l’impatto sui porti e sul trasporto marittimo nel continente potrebbero causare uno shock indiretto all’intera economia. Nonostante la gravità delle conseguenze, il rapporto mostra che l’Europa, e l’intera economia mondiale, non è preparata per far fronte a questo tipo di attacchi e, infatti, l’86% dei costi economici totali non è assicurato

© RIPRODUZIONE RISERVATA

👥

Articoli correlati

I più visti