Insurance Trade

Antitrust, mani libere a Mediobanca

Secondo l'Agcm, Piazzetta Cuccia non dispone più di una posizione di controllo su Generali e può quindi acquistare azioni di Unipol

13/11/2018
Mediobanca può tornare ad acquistare azioni della galassia Unipol. L’Agcm, rispondendo a una lettera arrivata lo scorso 23 maggio da Piazzetta Cuccia, ha deciso di revocare quasi tutte le misure introdotte all’epoca della complessa operazione che aveva portato Fondiaria Sai all’interno del gruppo bolognese. Alla base dei vincoli del 2012 c’era la presunta posizione di controllo che Mediobanca esercitava su Generali: il rischio, secondo l’Antitrust, è che un eventuale ingresso di Piazzetta Cuccia in Unipol avrebbe potuto destabilizzare l’equilibrio concorrenziale del mercato assicurativo. Ora invece, si legge nel bollettino settimanale dell’Agcm, appaiono “venuti sostanzialmente meno i legami societari, personali e creditizi che, direttamente o per il tramite di Mediobanca, avrebbero potuto ingenerare il rischio che si instaurassero collegamenti di tipo stabile e quasi strutturale tra Ugf (Unipol Gruppo Finanziario, ndr) e Generali”.
Detto in altri termini, per l’Antitrust non sussiste più quella posizione di controllo di Mediobanca su Generali che aveva imposto l’obbligo di “non acquistare partecipazioni azionarie in Finsoe, Unipol Gruppo Finanziario o altre società facenti parte del gruppo stesso”. Ed è proprio in virtù di ciò che l’Antitrust ha acconsentito ad “accogliere l’istanza di Mediobanca”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti