Insurance Trade

Fallimenti e disoccupazione, i rischi top in Italia ed Europa

Nell'anticipazione del Global risks report, realizzato ogni anno dal World Economic Forum in collaborazione con Marsh & McLennan e Zurich, il nostro Paese snobba ancora le minacce cyber

20/09/2017
Il rischio di fallimento delle istituzioni finanziarie è in cima alle preoccupazioni dei top manager italiani, mentre gli alti tassi di disoccupazione rappresentano il primo rischio percepito per l'Europa, secondo un'anticipazione dell'Executive opinion survey, il sondaggio alla base del Global risks report, realizzato ogni anno dal World Economic Forum in collaborazione con Marsh & McLennan e Zurich, che offre una prospettiva dei rischi più probabili e pericolosi su un arco temporale di 10 anni. 

Per l'Italia, la disoccupazione è solo al secondo posto nella classifica dei rischi, seguita dall'instabilità sociale, dal fallimento delle istituzioni governative nazionali e dai flussi migratori. Per i nostri vicini Europei, le cose sono leggermente diverse. In Germania e Svizzera, per esempio, a preoccupare maggiormente le aziende sono gli attacchi cyber; mentre per Francia e Spagna la preoccupazione principale sono i tassi di disoccupazione.

L'ascesa del rischio fallimento della governance nazionale è sentita, seppur in misura diversa, in tutta Europa e riflette chiaramente la crisi delle democrazie, frutto della crisi degli schieramenti tradizionali, della crescita dei populismi e dei partiti di estrema destra. "In Italia, resta fuori dalla top 5 – ha commentato Andrea Bono, general manager di Marsh Italia – il rischio cyber, a dimostrazione che, nonostante gli attacchi ransomware del 2017 abbiano coinvolto anche imprese italiane, il livello di conoscenza di questi rischi e soprattutto del loro potenziale impatto è ancora basso". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti