Insurance Trade

Rc auto, giro di vite contro gli evasori

L'articolo 44 della bozza di Legge di Stabilità fissa le modalità con cui si può dare la caccia ai furbetti senza la necessità di notifica il loco

Rc auto, giro di vite contro gli evasori hp_stnd_img
Dal Governo arriva un ulteriore giro di vite per stanare gli evasori dell'Rc auto obbligatoria. L'articolo 44 della bozza della Legge di Stabilità, fissa i termini secondo cui gli automobilisti sprovvisti di polizza potranno essere individuati attraverso la fotografia scattata alla targa del veicolo passato in prossimità di dispositivi o apparecchiature che sono state omologate per il funzionamento in modo completamente automatico", come ad esempio autovelox, tutor o varchi Ztl. Tuttavia, non sarebbe ancora prevista la notifica diretta della sanzione, come accade nel caso delle multe per eccesso di velocità: una volta accertata la frode assicurativa, infatti, l'organo di polizia dovrà comunque notificare l'accertata violazione al guidatore e invitarlo a produrre il certificato di assicurazione entro i termini previsti.
La possibilità di identificare il mancato pagamento dell'Rc auto attraverso la fotografia della targa è già possibile attraverso l'utilizzo da parte delle forze di polizia dell'archivio integrato della Motorizzazione Civile che, oltre ai dati identificativi del veicolo circolante, da circa due anni fornisce anche i dati sul rilascio e la cessazione del certificato Rc Auto dei singoli veicoli, resi disponibili dall'Ania. Dal 15 febbraio 2014 inoltre è accessibile una sorta di black list con i dati relativi alle auto non assicurate che la Mtcc trasmette al ministero dell'Interno e alle forze di polizia. Finora però la contestazione della frode, seppur accertata in tempo reale attraverso la targa, era possibile solo in loco.
Sempre nell'articolo 44 della bozza di legge sono previsti anche nuovi e più estesi controlli sugli elenchi delle vetture immatricolate che non risultano coperte da assicurazione, ma che potrebbero riferirsi anche ad automobili che non circolano e che sono tenute dai proprietari con finalità collezionistiche o storiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti