Insurance Trade

Gli italiani apprezzano le auto d’epoca

Uno su tre (37%) si dice propenso ad acquistarne una

Gli italiani apprezzano le auto d’epoca hp_wide_img
Un italiano su tre (37%) si dice interessato all’acquisto di un’auto d’epoca. Lo rileva l’ultima edizione dell’Osservatorio Sara Assicurazioni, secondo cui l’amore degli italiani per le auto d’epoca è dettato soprattutto dalla loro storicità e rarità (32%), dal fascino per gli oggetti vintage (28%) e dalla possibilità di investire i risparmi in un bene unico di valore (18%).

L’estetica e il design costituiscono gli aspetti più importanti nella scelta (32%), ma contano anche le buone condizioni del veicolo (29%) e la disponibilità di pezzi originali (26%). Il freno principale all’acquisto è invece il costo della transazione (27%).

Diffuse anche le preoccupazioni per il rischio di danni, che possono comportare anche costi elevati (53%) e richiedere pezzi di ricambio difficili da trovare (45%). Preoccupano anche furti e atti vandalici (37%), così come la difficoltà di trovare un professionista specializzato in caso di bisogno (16%). Per questi motivi, molti ritengono utile una polizza assicurativa per questo tipo di veicoli: tra i vantaggi ci sono la copertura dei danni per vari tipi di rischi (37%), la possibilità di scegliere le tutele più idonee al caso (33%) e ricavarne un senso generale di sicurezza (23%).

“I veicoli d’epoca sono beni che possono avere grande valore, a cui molti collezionisti e appassionati guardano con interesse, a tutte le età, come evidenzia la ricerca del nostro Osservatorio”, ha commentato Marco Brachini, direttore marketing, brand e customer relationship di Sara Assicurazioni. “Dall’indagine – ha aggiunto – emerge la consapevolezza che un bene di questo tipo va protetto nel migliore dei modi: come compagnia assicuratrice ufficiale dell’Aci, da sempre ci rivolgiamo a collezionisti e appassionati di motori storici con soluzioni innovative, personalizzabili e altamente tecnologiche per soddisfare le più diverse esigenze di tutela”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti