Insurance Trade

Hyperion Insurance, un 2016 di investimenti

Chiuso il bilancio annuale, pesano ancora sul conto economico le integrazioni

11/01/2017
Hyperion Insurance, uno dei principali gruppi di intermediazione assicurativa del mondo, ha chiuso l'esercizio 2016 (il 30 settembre) con una crescita dei pari al 45% a 434 milioni di sterline, contro i 299 milioni nel 2015. L'ebitda è aumentato dell'82% a 103 milioni (57 milioni nel 2015), mentre il margine sull'ebitda ha raggiunto il 24%, in crescita rispetto al 19% dello scorso anno, merito, si legge nbella nota del gruppo degli investimenti sul piano strutturale e dei sistemi che sono stati bilanciati "da un’attenta gestione dei costi". 

Tuttavia, fa notare Hyperion, "la struttura, l’integrazione e il relativo profilo finanziario dell'acquisizione di Rkh Holdings, completata ad aprile 2015, così come le altre acquisizioni, continuano ad avere riflessi sul conto economico complessivo". Il gruppo, per questo, ha riportato nel 2016 una perdita contabile di 38 milioni di sterline prevalentemente riconducibile a 76 milioni di debiti differiti verso i dipendenti-azionisti di Rkh; 38 milioni derivanti da ammortamenti su beni materiali e immateriali; 37 milioni di interessi sul finanziamento e voci analoghe e 26 milioni di utili derivanti dall’aumento del fair value su un’opzione put relativa a una posizione di liquidità. 

"L’esigenza di definire, sostenere e posizionare la nuova dimensione del gruppo Hyperion nel prossimo futuro - ha sottolineato il ceo David Howden - è stato il focus prioritario del 2016. Ora siamo strutturati, tramite le nostre tre divisioni, Howden, Rkh e Dual, per sfruttare l'esperienza e la flessibilità del gruppo al fine di garantire il meglio per i nostri clienti, partner, dipendenti e azionisti, e portare Hyperion al livello successivo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti