Insurance Trade

Oria, semplificazioni, Europa: i dolori della distribuzione

Le preoccupazioni che serpeggiano tra agenti e broker, per le novità all’orizzonte, sono state rappresentate bene dall’evento organizzato da Acb, partecipato anche da Ania e Unapass. Compliance stringente, e rafforzate responsabilità, definiranno il campo di gioco dei prossimi anni

26/06/2014
Si apre con una domanda del presidente Luigi Viganotti l'evento di approfondimento organizzato da Acb, ieri a Milano: come cambia il ruolo dell'intermediario alla luce dei nuovi regolamenti? Un pomeriggio di studio e confronto sui principali temi che preoccupano il mondo dell'intermediazione, senza distinzioni tra broker e agenti. Proprio di preoccupazione è il caso di parlare, dato che Viganotti ha sottolineato come questo sentimento accomuni tutti gli intermediari professionisti. Secondo Acb le prossime novità all'orizzonte, soprattutto dal punto di vista normativo, saranno determinanti per il settore, e ne definiranno i contorni per i prossimi anni. L'arrivo dell'Oria, il nuovo organismo che dovrà tenere il registro degli intermediari, ma anche vigilarli e sanzionarli, i nuovi requisiti per la formazione, le semplificazioni promosse dall'Ivass, la definizione delle nuove direttive europee sono i principali nodi che potrebbero portare nuove responsabilità a carico degli intermediari di primo livello, con costi gestionali difficilmente sostenibili. Basti pensare - ha ricordato lo stesso Viganotti -, che l'Ivass, nell'ambito delle semplificazioni, ha aggiunto due documenti cartacei da sottoporre agli assicurati: la scheda informativa e l'autorizzazione per l'utilizzo delle informazioni personali in forma digitale". Con il risultato, quindi, di andare contro le finalità di semplificazione.

ORIA, UN ORGANISMO DI INTERESSE PUBBLICO
Tuttavia la questione più controversa in questo momento sembra essere l'Oria. L'organismo di diritto privato, che conserverà però la supervisione di Ivass, ha spiegato l'avvocato Antonio Longo, dello studio legale LexLon-Longo, "sarà chiamato in poco tempo a comprendere e dominare tutti gli aspetti dell'intermediazione assicurativa, a confrontarsi con l'Europa, con le nuove direttive e con l'esigenza di allineare la vigilanza ai modelli già esistenti". L'Oria è chiaramente ispirato a un principio di armonizzazione tra settore finanziario, bancario e assicurativo. Le questioni aperte che preoccupano di più gli intermediari sono legate alla scomparsa della lettera E, sub agenti e collaboratori esterni, (una sezione che comprende 12 mila società e 180 mila persone fisiche) e al profilo sanzionatorio della sospensione. Ma anche alla costruzione piramidale della vigilanza, che affida molte responsabilità per il comportamento dei collaboratori agli intermediari di primo livello. "Siamo lontani - ha precisato Longo - dall'idea di un organismo che sia una stanza di compensazione tra gli interessi degli intermediari: l'Oria sarà un'autorità, benché privata, che farà l'interesse pubblico. La tutela del consumatore è al centro dell'interesse".

DIRETTIVE EUROPEE LONTANE DAL MODELLO ITALIANO
Ed è proprio la tutela del mercato retail che guida in Europa le evoluzioni delle direttive sull'intermediazione: a partire da Imd 2 che potrebbe essere emanata proprio nel semestre di presidenza italiana dell'Ue. Anche in questo caso il drive, come definito da Carlo Galantini dello studio legale associato Galantini, Heilbron Cocco-Ordini, è il rafforzamento della tutela nei prodotti a contenuto finanziario: "le direttive Mifid e il regolamento sui Priips - ha sottolineato l'avvocato - sono già approvati, quindi Imd 2, che contiene la sezione dei Priips, seguirà quel tipo di impostazione". Il timore principale, da parte degli intermediari, è proprio questo schiacciamento del settore assicurativo su quello finanziario. Un timore condiviso anche dall'associazione del consumatori, Konsumer Italia: "il pericolo - ha detto il presidente, Fabrizio Premuti - è la perdita della cultura assicurativa, fatta di relazione e consulenza. Un modello più adatto al mercato italiano, che rischia di frantumarsi sulla disintermediazione".

ANIA, QUANTO COSTA L'ORIA?
Tuttavia, dal punto di vista delle compagnie, queste preoccupazioni non sussistono. Vittorio Verdone, direttore centrale di Ania, ha messo in guardia sul non confondere la necessità comunitaria di uniformare alcuni concetti, come la formazione, la vigilanza, le norme sui conflitti di interesse, con la cancellazione della tipicità del settore assicurativo. "La valutazione dei rischi e la consulenza - ha precisato - sono tutte peculiarità inalienabili al comparto". Anche Verdone ha esposto preoccupazioni riguardo all'Oria, non certo sotto il profilo delle responsabilità in carico agli intermediari di primo livello, quanto all'opportunità che un soggetto privato possa irrogare sanzioni, con la possibilità che queste siano impugnate di fronte al Tar. "Inoltre - ha aggiunto - abbiamo chiesto a Ivass che si faccia uno studio di impatto economico, perché tuttora non sappiamo quanto costerà rendere operativa una macchina che non dovrà solo tenere il registro degli intermediari, ma anche vigilare con ispezioni, sanzionare e avere a disposizione un ufficio legale".

FARE RETE PER NON MORIRE DI COMPLIANCE
In questo contesto, sempre più complicato, dagli intermediari arriva l'invito all'aggregazione: sia Luciano Lucca, presidente di Assiteca e vice di Acb, sia Erik Somaschini di Unapass, spingono i colleghi a creare reti e consorzi tra intermediari. È necessario far cadere i personalismi, anche gli agenti devono sapersi strutturare per essere più forti. "Il pericolo serio - ha aggiunto Fabrizio Callarà, amministratore delegato di Aec Wholesale Group - è morire di compliance. Il costo degli adeguamenti alle normative che cambiano sta diventando insostenibile, tanto più in un periodo di stagnazione del mercato".

RC AUTO, L'ORA DELLA RIFORMA
Eppure per molti sembra proprio questo il momento per cambiare le cose. Il semestre di presidenza italiana dell'Ue potrà indirizzare in favore del mercato italiano i dossier ancora aperti. L'Ivass, come ricordato dall'avvocato Andrea Maura, dello studio legale Legal Grounds, ha ancora sospese molte questioni, soprattutto riguardo l'Rc auto: dalla dematerializzazione dei documenti, al risarcimento diretto, all'Autorità antifrode. In un contesto di calo dei premi e stabilità tariffaria, è questo il momento per una riforma strutturale dell'Rc auto che vada oltre la contingenza dei cicli economici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti