Insurance Trade

Lo Sna presenta una guida per le collaborazioni tra intermediari

All'interno sono raggruppate le domande più frequenti e le relative risposte sulle tematiche che più interessano la categoria

29/10/2013
Il Sindacato nazionale agenti (Sna) ha presentato la prima guida dedicata alle collaborazioni tra intermediari. Si tratta di un documento, disponibile sul sito dello Sna, in cui sono stati raccolti i principali quesiti rivolti dagli iscritti in questi mesi e pervenuti alla casella di posta elettronica creata dal sindacato per rispondere agli interrogativi degli agenti. La guida arriva dopo la pubblicazione, un anno fa, del testo dedicato alla documentazione informativa e contrattuale, contenente l'accordo di collaborazione, il codice di autoregolamentazione, il regolamento dei rapporti e il codice deontologico.

L'importanza di questo lavoro risiede nel fatto che nessuno, dal legislatore all'Ivass, ha ritenuto di dover dare indicazioni sulle modalità di svolgimento delle collaborazioni e sulle implicazioni di carattere giuridico, regolamentare e fiscale - spiega il presidente dello Sna, Claudio Demozzi, ricordando anche come "termini quali agente proponente e agente emittente, coniati in casa Sna, sono stati mutuati degli addetti ai lavori e dai regolatori e sono ormai parte del linguaggio corrente. Anche questa volta, siamo certi che le interpretazioni delle norme fornite da Sna e i suggerimenti conseguenti, frutto del lavoro congiunto con i nostri legali, saranno considerate come un punto di riferimento". Scorrendo le varie pagine si può osservare che le tematiche principali (ovvero i quesiti più pressanti per gli agenti) riguardano i rapporti con le mandanti, il tema della territorialità, la formazione, gli obblighi di informativa al cliente, la separazione patrimoniale e le modalità di pagamento, la responsabilità solidale, la copertura della polizza di Rc professionale, le collaborazioni spot, le estensione al ramo vita.

Quello dello Sna vuole essere una sorta di work in progress con l'obiettivo di fornire consulenza agli agenti attraverso un lavoro di analisi e raccolta che non si esaurisce con la sola divulgazione: sono infatti previsti aggiornamenti che saranno indotti dalla casistica applicativa, e/o dal sopravvenire di ulteriori regolamentazioni. Per chi ha attivato o intende attivare le collaborazioni, la guida si propone come un aiuto per operare con maggiore consapevolezza e professionalità, al riparo da rischi o conflittualità con consumatori e imprese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti