Insurance Trade

Helvetia, profitti semestrali in calo del 5,2% a 162,7 milioni di franchi

La solidità finanziaria del gruppo ha comunque consentito nuove acquisizioni in Francia e Svizzera

03/09/2012
Dopo i primi sei mesi del 2012, il Gruppo Helvetia fa segnare un utile netto pari a 162,7 milioni di franchi, in calo del 5,2% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, mentre mantiene pressoché invariato il volume d'affari complessivo che ammonta a 4,52 miliardi. I dati relativi al 2011 sono stati adeguati a seguito delle modifiche dei principi di contabilità per l'iscrizione a bilancio. Il livello di solvibilità I si attesta al 224%, in crescita rispetto al 221% di fine 2011.

Accanto al mercato nazionale svizzero, sempre positivo - fanno sapere dalla società - anche i mercati esteri riportano risultati confortanti". L'andamento complessivo appare solido sia nel ramo danni, con un combined ratio al 93,1%, sia nel ramo vita che registra una crescita dei profitti del 7% a 66,3 milioni di franchi.

La stabilità e la consistenza dei risultati di gruppo sono stati sottolineate dal ceo Stefan Loacker (foto) insieme alle "interessanti nuove acquisizioni" che la società ha approntato nell'ultimo periodo, con particolare riferimento al portafoglio di assicurazione trasporti in Francia e al portafoglio Vita individuale di Sev Assicurazioni nel mercato nazionale svizzero. Queste operazioni, ha confermato Loacker, "ci consentono di proseguire nel nostro percorso di crescita strategica perseguendo la nostra ambizione di ampliare in modo dinamico il nostro importante portafoglio operativo su una base stabile".

Nello specifico, l'acquisizione del portafoglio di assicurazione trasporti di Groupama, con un volume di premi di circa 150 milioni di euro, triplica l'attuale volume d'affari di Helvetia Francia garantendogli il secondo posto nel mercato d'oltralpe; mentre i 20 milioni di franchi che costituiscono il volume di premi di Sev Assicurazioni rafforzano notevolmente la posizione di Helvetia nel mercato delle assicurazioni vita individuale e le consentono l'accesso ad un nuovo segmento di clientela.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti