Insurance Trade

I Lloyd's pagheranno 5 miliardi di sterline per sinistri Covid

La perdita ha pesato per una percentuale del 18,7% di combined ratio, che al 30 giugno ha superato il 110%: senza gli effetti della pandemia, il dato sarebbe stato in miglioramento al 91,7

10/09/2020
Nei primi sei mesi del 2020, i Lloyd's hanno pagato sinistri legati alla pandemia da Covid-19 per 2,4 miliardi di sterline e prevedono che il computo finale raggiungerà i 5 miliardi. Le cifre sono state svelate durante una web conference sui risultati dal mercato assicurativo londinese. Due dei 5 miliardi sono coperti da riassicurazione. 
La perdita derivante dai sinistri Covid ha pesato per una percentuale del 18,7% di combined ratio, che al 30 giugno è schizzato al 110,4%, portando una perdita complessiva pari 400 milioni di sterline.
Escludendo però i numeri attribuibili alla pandemia, il combined ratio ha registrato un miglioramento del 7,1%, attestandosi al 91,7%, in discesa rispetto al 98,8% del primo semestre 2019, grazie anche a una diminuzione della stessa percentuale del loss ratio (52,6%) nei primi sei mesi del 2020.

La perdita lorda complessiva, pari a 400 milioni nei primi sei mesi del 2020, sconta i già contabilizzati 2,4 miliardi di sinistri Covid. Nello stesso periodo dell'anno scorso i Lloyd's guadagnavano 2,3 miliardi di sterline. Escludendo le perdite relative al Covid-19, il mercato ha registrato un utile tecnico di un miliardo di sterline. I premi lordi sottoscritti nei primi sei mesi dell'anno ammontano a 20 miliardi, in leggera crescita dai 19,7 del giugno 2019. I redditi da investimenti valgono 900 milioni, con un ritorno del'1,2%, in peggioramento dai 2,3 miliardi (ritorno del 3,2%) del periodo 2019 corrispondente. Bene invece le risorse nette, pari a 32,8 miliardi, in crescita rispetto al dicembre 2019, quando la cifra si fermava a 30,6 miliardi.
La solvibilità è al 250%, meglio del dicembre 2019 (238%), ma il calcolo stimato a fine agosto segnava un calo al 200%. 

"La prima metà del 2020 è stato un periodo particolarmente difficile per i nostri clienti, per la nostra industria e per le economie di tutto il mondo", ha commentato John Neal, ceo dei Lloyd's. "I nostri risultati semestrali - ha detto - dimostrano che il nostro approccio deciso nella gestione della performance e nel risanamento ha iniziato ad avere effetto, evidenziando una significativa inversione di tendenza dei principali indicatori di performance, che forniscono i segnali più veritieri della redditività del nostro mercato".
I Lloyd's presenteranno l'aggiornamento del programma Future at Lloyd's a novembre, indicando anche la strategia per il 2021 e gli anni a venire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti