Insurance Trade

  Acb, l’assemblea dà l’ok al nuovo codice deontologico
Broker

Acb, l’assemblea dà l’ok al nuovo codice deontologico

13/06/2019-Oggi a Milano l’appuntamento annuale dell’associazione presieduta da Luigi Viganotti che, nella sua relazione, ha toccato le tematiche di maggiore rilievo per la categoria dei broker

Si è svolta oggi a Milano l’assemblea annuale di Acb. Un appuntamento atteso soprattutto per la presentazione del nuovo codice deontologico...

Leggi l'intero articolo Condividi
  Luca Franzi de Luca confermato alla guida di Aiba
Broker

Luca Franzi de Luca confermato alla guida di Aiba

13/06/2019-Lo ha deciso l'assemblea che si è svolta a Milano. I due vice presidenti sono Giuseppe Naso e Flavio Sestilli

Luca Franzi de Luca è stato confermato presidente Aiba per il prossimo triennio dall'assemblea annuale dell'associazione dei broker, che si è riunita oggi a Milano. I due vice presidenti sono Giuseppe Naso (confermato) e Flavio...

Leggi l'intero articolo Condividi
  La responsabilità del broker alla luce di Idd
Legislazione

La responsabilità del broker alla luce di Idd

19/04/2019-Terza parte - La direttiva europea 97 del 2016 si è posta l’obiettivo di armonizzare le norme esistenti sulla distribuzione assicurativa in tutta Europa, rafforzando la tutela dei consumatori e regolamentando le attività di stipula dei contratti. Diviene così più complessa la disciplina che inquadra la figura professionale del mediatore

La Idd ribadisce l’obbligo di informare il cliente prima della stipula del contratto e in modo chiaro, completo e trasparente, non solo sulle caratteristiche del prodotto, ma anche sul proprio status (distributore indipendente, consulente, agente della compagnia…), inclusa l’indicazione della natura del compenso percepito. In sostituzione e a integrazione dell’informativa precontrattuale già prevista, la direttiva introduce quindi un documento informativo standardizzato specifico per i prodotti non vita, denominato Dip (Documento informativo precontrattuale), predisposto dall’assicuratore e contenente informazioni di base sul prodotto distribuito. All’articolo 56 del Regolamento 40 del 2018, l’Ivass interviene poi specificamente sull’adeguatezza dell’informativa precontrattuale, prevedendo che, prima della sottoscrizione di una proposta o, qualora non prevista, della conclusione di un contratto di assicurazione, i distributori consegnino al contraente: a) copia di una dichiarazione conforme al modello di cui all’allegato 3 del Regolamento, contenente un’informativa sugli obblighi di comportamento cui gli intermediari sono tenuti nei confronti dei contraenti;b) copia di una dichiarazione, conforme al modello di cui all’allegato 4, da cui risultino i dati essenziali del distributore e della sua attività e le informazioni in materia di conflitti di interesse di cui all’articolo 119 bis, comma 7 e all’articolo 120 ter del Codice; c) la restante documentazione precontrattuale prevista dalle vigenti disposizioni, tra cui il Dip, un ulteriore documento informativo dell’assicuratore, necessario a partire dal primo gennaio 2019 e definito Dip aggiuntivo, tutte le condizioni di polizza, nonché un documento di valutazione delle richieste ed esigenze del contraente alquanto esteso e particolareggiato.I distributori, inoltre, sono in ogni momento tenuti a dimostrare l’adempimento degli obblighi informativi dettati dal codice e dal regolamento.Una normativa complessaGli allegati 3 e 4 vengono di fatto a sostituire i moduli 7A e 7B previsti dalla precedente normativa e includono anche l’indicazione del tipo di trattamento provvigionale eventualmente previsto a favore dell’intermediario. Unica eccezione, rispetto all’obbligo di fornire al cliente un’informativa precontrattuale completa, riguarda i broker di riassicurazione e quelli operanti nei grandi rischi.Il regolamento indica minuziosamente le modalità di comunicazione della documentazione precontrattuale che imprese e intermediari sono ora tenuti a consegnare agli assicurati. Si tratta di una mole d’informazioni piuttosto corposa e, nonostante il fine di una normativa tanto complessa sia certamente la salvaguardia dei diritti del consumatore/assicurando, balza immediatamente all’occhio dell’operatore (ma anche dell’assicurato stesso), quanto la stessa risulti difficile da gestire. Tutto questo, inoltre, non può che comportare un inasprimento della posizione degli intermediari sul piano della loro responsabilità contrattuale e un aumento non indifferente del margine d’errore presunto per la loro attività professionale. In effetti, il mancato assolvimento dell’obbligo d’informazione e consulenza nei confronti dei clienti da parte degli intermediari assicurativi è all’origine del 22% dei sinistri di Responsabilità civile professionale degli stessi, con un peso del 35% sul totale delle richieste di risarcimento pervenute in Italia, nel periodo compreso tra il 2014 e il 2017, a Cgpa Europe, compagnia specializzata nell’assicurazione di questo tipo di rischi. Le sanzioni previsteIl broker potrà dunque essere soggetto a contestazioni e ad azioni di responsabilità da parte dei clienti-assicurati, per aver intermediato prodotti inadeguati alle loro esigenze, oltre che per eventuali inadempienze legate all’operatività delle coperture richieste (ad esempio, per aver dimenticato di attivare una polizza o per mancato pagamento del premio). In caso di violazione degli obblighi previsti dalle disposizioni di cui al Codice delle assicurazioni e ai relativi regolamenti dell’Ivass, inoltre, il broker sarà soggetto a sanzioni di tipo amministrativo e, nei casi di particolare gravità, alla revoca dell’incarico (articolo 1, comma 53 del dlgs 68 del 2018).Con riferimento alle sanzioni amministrative, l’articolo 324 del Codice delle assicurazioni dispone espressamente che “gli intermediari assicurativi e riassicurativi, ivi inclusi quelli a titolo accessorio che nell’ambito della distribuzione di prodotti assicurativi e di investimento assicurativi violano gli articoli 10-quater, 30 decies, 107, comma 5, 109, commi 2, ultimo periodo, 3, 4, 4 bis, 4 sexies, 4 septies e 6, 109 bis, 110, commi 2 e 3, 111, commi 4 e 5, 112, commi 2, 3 e 5, 113, comma 2, 117, 118, 119, comma 2, ultimo periodo, 119-bis, 119-ter, 120, 120-bis, commi 1, 2, 3 e 6, 120-ter, 120-quater, 120-quinquies, 121, 121-bis, 121-ter, 131, 170, 185, 185-bis, 185-ter, 191 o le relative norme di attuazione, sono puniti secondo i criteri di cui all’articolo 324-sexies con una delle seguenti sanzioni: a) censura; b) sanzione amministrativa pecuniaria: 1 - per le società, da cinquemila euro a cinque milioni di euro oppure, se superiore, pari al cinque per cento del fatturato complessivo annuo risultante dall’ultimo bilancio disponibile approvato dall’organo di amministrazione; 2 - per le persone fisiche, da mille euro a settecentomila euro; c) radiazione o, in caso di società di intermediazione, cancellazione”.Destinatari delle sanzioni disciplinari saranno le persone fisiche iscritte nel registro degli intermediari, compresi i collaboratori e gli altri soggetti ausiliari. Il richiamo, consistente in una dichiarazione scritta e motivata di biasimo, sarà disposto per fatti di lieve gravità; la censura, invece, per fatti di gravità particolare. La radiazione o la cancellazione della società di intermediazione sarà disposta per fatti di eccezionale gravità e, nei casi in cui sia configurabile una corresponsabilità della società di intermediazione per omesso controllo o per disfunzioni organizzative tali da aver consentito la sistematica reiterazione dell’illecito disciplinare, essa comporterà anche la cancellazione della società.Responsabilità contrattuale o aquiliana?Dal punto di vista della responsabilità civile, è individuabile una responsabilità precontrattuale ex articolo 1337 in tutti i casi in cui l’intermediario non abbia adottato un comportamento improntato alla buona fede e abbia omesso informazioni che, ove conosciute, avrebbero indotto il cliente a non sottoscrivere il contratto.Tuttavia è ancora controverso in dottrina se la violazione da parte degli intermediari degli obblighi disciplinati dal Codice delle assicurazioni abbia natura contrattuale o aquiliana.Secondo una certa interpretazione, la violazione dei citati “obblighi di diligenza, trasparenza, informazione, correttezza, nella fase delle trattative, da parte dell’intermediario o dell’assicuratore costituisce un illecito aquiliano” essendo impossibile configurare un inadempimento contrattuale “prima che il contratto sia venuto ad esistenza”. (Marco Rossetti, Il diritto delle assicurazioni, 2011).Altri ritengono invece che la responsabilità dell’intermediario abbia natura contrattuale, laddove quest’ultimo violi gli “obblighi derivanti dal contratto, o dalle disposizioni legislative o regolamentari che ne integrano il contenuto” o il generale dovere di buona fede nell’esecuzione del contratto stesso.La questione non è di poco conto, perché inquadrare la responsabilità dell’intermediario nell’alveo della responsabilità contrattuale, implica che, pur essendo l’assicurato tenuto a provare l’inadempimento e a fornire la dimostrazione del nesso causale tra questo e il danno eventualmente subito, l’intermediario sarà a sua volta obbligato a provare di avere assolto ai propri doveri e di aver agito con la diligenza...

Leggi l'intero articolo Condividi
  La responsabilità del broker alla luce di Idd
Legislazione

La responsabilità del broker alla luce di Idd

19/04/2019-Seconda parte - La direttiva europea 97 del 2016 si è posta l’obiettivo di armonizzare le norme esistenti sulla distribuzione assicurativa in tutta Europa, rafforzando la tutela dei consumatori e regolamentando tutte le attività di stipula dei contratti di assicurazione. Diviene così assai più complessa e articolata la disciplina che...

Leggi l'intero articolo Condividi
  La responsabilità del broker alla luce di Idd
Legislazione

La responsabilità del broker alla luce di Idd

19/04/2019-Prima parte - La direttiva europea 97 del 2016 si è posta l’obiettivo di armonizzare le norme esistenti sulla distribuzione assicurativa in tutta Europa, rafforzando la tutela dei consumatori e regolamentando tutte le attività di stipula dei contratti di assicurazione. Diviene così assai più complessa e articolata la disciplina che...

Leggi l'intero articolo Condividi
  Aiba, i nuovi rischi tra rivoluzione ed evoluzione
Broker

Aiba, i nuovi rischi tra rivoluzione ed evoluzione

28/03/2019-L'insurtech che favorisce la disintermediazione e i cambiamenti climatici sono le sfide su cui si è incentrato il convegno annuale dell'associazione. Dove istituzioni, compagnie e ricercatori hanno sottolineato il ruolo centrale dei broker nel trasformare queste criticità in leve di sviluppo

Rivoluzione dei rischi, evoluzione del...

Leggi l'intero articolo Condividi
  Acb, il 21 marzo parte il Roadshow
Broker

Acb, il 21 marzo parte il Roadshow

13/03/2019-Anche quest'anno, agli eventi potranno partecipare i non iscritti all'associazione. Prima tappa, Verona

Il prossimo 21 marzo, da Verona, parte l'edizione annuale del Roadshow di Acb. Il percorso si svilupperà a livello nazionale e raggiungerà sette città diverse, a partire da Verona per concludersi a Milano il 16 ottobre. Le città e le...

Leggi l'intero articolo Condividi
  Graduatoria Ania, chi sale e chi scende nella raccolta 2017
Ania

Graduatoria Ania, chi sale e chi scende nella raccolta 2017

31/05/2018-Nella classifica dei gruppi torna al primo posto Generali; nel vita è leader Intesa Sanpaolo mentre nei danni (e nell’auto) il primato è sempre nelle mani di Unipol

Dopo l’exploit dello scorso anno, Poste Vita lascia il posto al gruppo Generali. Il Leone di Trieste, infatti, è tornato a guidare la classifica dei premi contabilizzati...

Leggi l'intero articolo Condividi
  Acb, al via da Napoli il roadshow 2018
Broker

Acb, al via da Napoli il roadshow 2018

16/05/2018-I temi che saranno approfonditi vanno dall'analisi degli scenari economici del settore alle ultime normative (Gdpr, Idd), passando per il cyber risk e le attività dell'associazione

Appuntamento il prossimo 23 maggio con la prima tappa del roadshow di Acb a Napoli e che vedrà impegnata l'associazione dei broker per sette tappe con...

Leggi l'intero articolo Condividi