Insurance Trade

Farina: agenti, serve cambio di passo

Il presidente di Ania, intervistata in esclusiva da Insurance Trade, invita le reti a guardare al cliente a 360 gradi per coprire sia le esigenze di risparmio sia quelle di protezione

07/04/2016
“Il canale agenziale sino a ora si è molto focalizzato sul danni, e ancora di più sull’auto. Ma il mondo sta cambiando e, in prospettiva, la gestione del risparmio sarà fondamentale”.
A richiamare gli intermediari assicurativi a un cambio di passo è la numero uno dell’Ania, Maria Bianca Farina, intervistata in esclusiva da Insurance Trade, a margine del Salone di
Risparmio in programma a Milano in questi giorni. In particolare, il presidente dell’associazione invita le reti a “guardare al cliente a 360 gradi per coprire sia le esigenze di risparmio sia quelle di protezione”. 

Sul fatto che la rete agenziale sia, fino a oggi, ancora molto ancorata sul ramo danni e auto, Farina fornisce la propria interpretazione: “l’ha fatto perché quello serviva in quel momento.
Poi gli agenti sono persone molto in gamba e intelligenti e, quindi, hanno già capito che debbono ampliare il loro raggio d’azione”. 

Infine sul ricorso ai nuovi strumenti digitali, Farina evidenzia come, da un lato, i canali digitali siano cresciuti, mentre dall’altro lato il loro utilizzo sia ancora “abbastanza
al palo”. Pertanto, pur trovandosi dinnanzi a un cliente ibrido (che si informa on line, ma opera tramite l’intermediario fisico), la rete distributiva dovrà attrezzarsi al più presto sul fronte dell’innovazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti