Insurance Trade

Polizze legate a beni e servizi, i modelli contrattuali

Dai viaggi ai telefonini, passando per le utilities: tutti i numeri dei settori analizzati dall'Autorità nell'indagine Sei assicurato e forse non lo sai

22/07/2014
Con l'indagine dell'Ivass sulle polizze legate a beni e servizi non assicurativi, intitolata Sei assicurato e forse non lo sai, i cui risultati sono stati pubblicati ieri, l'Autorità di vigilanza ha fatto ordine in un settore poco conosciuto e alquanto disomogeneo del mercato delle polizze. Un'area vastissima fatta da 1.629 prodotti danni, e nove afferenti al ramo vita, che raggiungono oltre 15 milioni di consumatori. 

I prodotti esaminati sono presentati dalle imprese attraverso pacchetti. Il modello contrattuale utilizzato è l'assicurazione per conto altrui o per conto di chi spetta, (scissione tra il contraente partner commerciale e l'assicurato): le condizioni contrattuali ed economiche sono generalmente le medesime per ogni cliente. L'Ivass riscontra due modelli: un pacchetto venduto come parte integrante di offerte commerciali, definito All inclusive (69% del mercato) e uno come coperture assicurative distinte e abbinabili al bene o al servizio (31%). 

Una prima criticità, di cui abbiamo già parlato ieri, è la preponderanza (89,2%) di prodotto All inclusive ad adesione automatica, oppure con un meccanismo opt out (due prodotti del settore Viaggi sono così). Nella seconda categoria, il 93% dei prodotti prevede adesione mediante consenso e solo in sei casi l'Ivass ha riscontrato il silenzio/assenso, modalità vietata per i prodotti autonomi.
Per quanto riguarda i costi delle coperture, il 61% dei pacchetti costa meno di 30 euro, il 23% più di 100 euro. Nel dettaglio dei settori (Viaggi, Veicoli, Banche, Sport, Utilities, Cellulari e Trasporti), Ivass ha evidenziato tutte le peculiarità e le criticità per ogni singolo comparto. 

Sono 299 i pacchetti relativi a tour operator e agenzie di viaggio, di cui solo quello "maggiormente significativo" è articolato in 275 sottospecie. Solo otto imprese (sei italiane e due europee) operano in questo settore. Si tratta, in generale, di prodotti molto complessi tra funzionamento delle garanzie, massimali, esclusioni, limitazioni "di non facile comprensione per i consumatori". 

Per quanto riguarda il settore Veicoli, i prodotti sono offerti da concessionari, case automobilistiche e società di leasing, ma solo in qualche caso sono state trovate le schede informative sui siti dei marchi. Un solo prodotto fa la parte del leone, commercializzato attraverso 208 concessionari, mentre sono 40 i pacchetti di una stessa impresa distribuiti da un unico partner, cioè una società che installa antifurti. In totale le polizze sono distribuite da 16 imprese, di cui 10 italiane e sei dell'Ue.

La maggior parte di importo inferiore a 30 euro e venduti dalle banche sono i pacchetti relativi al ramo infortuni, malattia, assistenza, ma anche Tcm o Ltc legate a conti correnti. In totale sono complessivamente 256 prodotti, distribuiti da 25 imprese e 8 otto estere. Per alcune polizze è previsto il tacito rinnovo, nonostante l'adesione sia automatica. 

Sono le federazioni nazionali, le associazioni sportive o i gestori di impianti a distribuire le polizze legate agli sport. Parliamo di 136 pacchetti distribuiti da tre compagnie straniere e un'italiana. Molto attiva è un'impresa straniera che vende ben 83 pacchetti diversi abbinate allo skipass, mentre l'italiana ne propone 16 tra sci, golf e nuoto. 

Nel settore delle utilities, l'Ivass ha riscontrato due casi di silenzio/assenso e in generale "notevole difficoltà nel reperire le informazioni contrattuali" e comprendere la decorrenza e l'efficacia delle coperture. 

Sono invece 11 i pacchetti assicurativi riferibili a quattro imprese (due italiane e due estere), attive nel comparto cellulari: si tratta di coperture con premi inferiori ai 30 euro, salvo una polizza che supera i 100 euro. 

Infine, nel settore trasporti aerei e marittimi, troviamo 18 prodotti le cui condizioni contrattuali sono spesso reperibili solo in fase di preventivazione via web. Sono polizze molto articolate per la presenza diversi massimali, franchigie o scoperti. Si distingue solo un contratto, con un contenuto chiaro e un numero limitato di coperture.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ivass,
👥

Articoli correlati

I più visti