Insurance Trade

Olimpiadi, gli stadi vuoti costano ai riassicuratori tra i 300 e i 400 milioni

Secondo un’analisi di Fitch, tuttavia, questa cifra è solo il 15% di ciò che avrebbero dovuto pagare in caso di cancellazione. Non si prevede, comunque, un impatto su capitale e rating

Olimpiadi, gli stadi vuoti costano ai riassicuratori tra i 300 e i 400 milioni hp_wide_img
La decisione del Giappone di escludere gli spettatori dalle Olimpiadi di Tokyo potrebbe costare al settore della riassicurazione globale tra i 300 e i 400 milioni di dollari a causa dei rimborsi per biglietti e ospitalità. È quanto si legge in un’analisi di Fitch Ratings, secondo cui, tuttavia, questo è solo il 10%-15% dell’importo che i riassicuratori avrebbero dovuto affrontare se le Olimpiadi fossero state cancellate. L’impatto sui loro utili “dovrebbe essere limitato, lasciando inalterati il capitale e i rating”, scrive l’agenzia, che stima che la copertura assicurativa totale per le Olimpiadi sia di circa 2,5 miliardi di dollari, di cui 1,4 miliardi di dollari stipulati dal Comitato Olimpico Internazionale e dal Comitato Organizzatore di Tokyo, 800 milioni di dollari dalle emittenti e 300 milioni di dollari da altri soggetti, come le squadre sportive, sponsor e ospitalità.

“Riteniamo che i riassicuratori sopporteranno la maggior parte delle perdite derivanti da questa copertura, dato che le esposizioni ad alta gravità sono in genere fortemente riassicurate. La cancellazione delle Olimpiadi avrebbe portato alle maggiori perdite mai assicurate per la cancellazione di un singolo evento, aggiungendo pressione sui guadagni dei riassicuratori a causa della pandemia e delle carenze della riserva sinistri degli Stati Uniti e dopo diversi anni di elevate perdite per catastrofi naturali”.

Come accennato, nonostante perdite potenziali tra i 300 e i 400 milioni, queste non dovrebbero incidere in modo significativo sugli utili dei riassicuratori globali grazie alle riserve che avevano già accantonato in previsione di potenziali perdite. “La pandemia – scrive Fitch – ha portato assicuratori e riassicuratori a ripensare ad alcune delle coperture che forniscono e al loro prezzo. In passato, potrebbero aver considerato i rischi di cancellazione per diversi eventi per lo più non correlati. Tuttavia, la pandemia ha evidenziato come le cancellazioni di massa possano avvenire contemporaneamente a causa di un singolo innesco, con anche mega eventi, come le Olimpiadi, potenzialmente a rischio”.

Secondo Fitch, per valutare l’assicurabilità dei rischi e valutarli con precisione, assicuratori e riassicuratori devono tener conto di correlazioni come questa, nonché del potenziale di perdite aggregate di grandi dimensioni quando i rischi correlati si cristallizzano insieme. “La pandemia – si legge nell’analisi dell’agenzia di rating – ha portato il mercato assicurativo a smettere generalmente di offrire copertura per perdite derivanti da malattie trasmissibili, sebbene la copertura per la cancellazione di eventi dovuta ad altre cause sia ancora disponibile come prima. Riteniamo che il rischio informatico potrebbe dare origine alle prossime perdite catastrofiche diffuse innescate da un singolo evento, che potrebbe indurre assicuratori e riassicuratori a ripensare alla copertura informatica che forniscono”.

Le polizze assicurative rinnovate per la cancellazione degli eventi ora escludono la copertura per le perdite dovute a malattie trasmissibili, che dovrebbero proteggere gli assicuratori e i riassicuratori dalle perdite derivanti da ulteriori blocchi per combattere la pandemia di coronavirus o future pandemie. “Tuttavia, le politiche di cancellazione degli eventi sono in genere pluriennali, quindi ci vorrà del tempo prima che le esposizioni al rischio esistenti si esauriscano”, conclude Fitch.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti