Insurance Trade

Benefit salute, l'impatto del Covid-19

Una recente indagine sottolinea i timori del settore per un aumento dei costi, mentre l'offerta, seppur in evoluzione, non sembra sempre in grado di rispondere alle esigenze della clientela

Benefit salute, l'impatto del Covid-19 hp_wide_img
La pandemia di coronavirus impatta anche sul mercato dei benefit aziendali dedicati alla salute. Secondo la ricerca MMB Health Trends: 2020 Insurance Survey, realizzata da Mercer Marsh Benefits, il 68% degli assicuratori si aspetta una crescita dei sinistri sanitari nella fase di diagnostica, cura e trattamento del Covid-19. Il mercato si attende inoltre un incremento del costo per le spese mediche, superiore anche al tasso di crescita dell'inflazione: nel 2020 si stima un aumento pari al 9,5%, quasi 3,5 volte l'andamento generale dei prezzi. Nel 2021, stando almeno al 90% degli intervistati, il trend dovrebbe mantenersi stabile o crescere ulteriormente.
La pandemia di coronavirus, a detta dei curatori della ricerca, ha dimostrato tutta la fragilità degli attuali sistemi di benefit. In molti casi si tratterebbe infatti di semplici testi base inaccessibili da remoto. I datori di lavoro cercano ora fornitori che offrano benefit aggiuntivi come prestazioni per la tutela sanità mentale, strumenti di prevenzione e servizi digitali. In questo contesto, gli assicuratori stanno offrendo sempre più servizi di consulto medico a distanza: per il 59% si tratta di un elemento fondamentale del proprio piano di gestione, contro il 38% dello scorso anno. Eppure, nonostante gli sforzi, almeno parte delle esigenze della clientela non risultano ancora soddisfatte. Solo un terzo degli assicuratori, per esempio, offre servizi di consulenza virtuale sulla salute mentale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti