Insurance Trade

Le insidie sottese alla sospensione dell'Rc auto

Alla luce del dl 18/2020, in quali casi è possibile sospendere la polizza? Quanto è conveniente economicamente? Cosa accade alle garanzie accessorie? Un’analisi di Facile.it prova a rispondere a queste domande

14/04/2020
Nell’ambito della conversione del decreto legge n.18/2020, il Senato ha approvato un emendamento che introduce per tutti gli automobilisti italiani la possibilità di sospendere, fino al 31 luglio, l'Rc auto o moto in corso di validità. Una novità che, se venisse confermata nell'attuale formula, secondo le simulazioni di Facile.it potrebbe tradursi “in un potenziale risparmio variabile tra i 40 e i 150 euro”, ma con “molti rischi da valutare attentamente”: dal blocco delle garanzie accessorie agli eventuali costi di sospensione e riattivazione, fino all’obbligo di un box privato per il mezzo. Come evidenziano gli esperti del comparatore, "non tutti potranno approfittare della norma né avere un beneficio tangibile da questa opportunità".

Sospensione possibile solo se si ha un box privato

L’emendamento, (proposta di modifica n. 125.2 (testo 2) al DDL n. 1766), specifica che “il veicolo per cui l'assicurato ha chiesto la sospensione non può in alcun caso né circolare né stazionare su strada pubblica o su area equiparata a strada pubblica in quanto temporaneamente privo dell'assicurazione obbligatoria”. Potranno quindi fare richiesta di sospensione solo coloro che hanno la possibilità di parcheggiare il veicolo in un’area privata, come ad esempio un box, un posto auto condominiale o un ricovero privato. I mezzi che stazionano su una strada pubblica, invece, non potranno godere della sospensione dell’assicurazione. In questo caso è importante non sottovalutare le possibili conseguenze; i trasgressori rischiano non solo una sanzione pecuniaria, che può arrivare fino a 3.396 euro e al sequestro del mezzo, ma è bene tenere in considerazione che, qualora il veicolo parcheggiato causasse un danno a terzi (basterebbe un freno a mano malfunzionante), la compagnia potrebbe rivalersi sul proprietario del mezzo non assicurato. Inoltre, se la sospensione dovesse riguardare anche le garanzie accessorie, come la copertura furto-incendio, gli atti vandalici o la kasco, in caso di sinistro il proprietario non avrà diritto al rimborso.

Attenzione ai possibili costi di sospensione o riattivazione

Molte compagnie, osserva Facile.it, già oggi offrono ai clienti la possibilità di sospendere la copertura Rc auto e moto, ma in alcuni casi l’operazione di sospensione o di riattivazione può avere un costo che potrebbe arrivare fino a 25 euro. Sebbene l’emendamento approvato indichi esplicitamente che le società assicuratrici non possono applicare penali o oneri di qualsiasi tipo ai richiedenti, è importante sottolineare che, all’atto della richiesta di sospensione, se non diversamente indicato da future modifiche, la compagnia potrebbe far valere l’opzione già prevista dal contratto assicurativo, e non quella gratuita introdotta dall’emendamento, con annessi gli eventuali costi accessori qualora presenti.
Quando sarà possibile fare richiesta di sospensione, quindi, il consiglio di Facile.it è quello di verificare con attenzione quali saranno le condizioni applicate dalla propria compagnia.

Cosa succede per le garanzie accessorie

La norma fa riferimento alla possibilità di sospendere l’Rc auto e moto obbligatoria; nel caso l’assicurato avesse delle coperture accessorie, osserva Facile.it, “non è automatico che queste vengano interrotte”. Prima di fare richiesta di sospensione, quindi, il consiglio del comparatore è di verificare con attenzione quale politica seguirà la propria compagnia assicurativa; alcune potrebbero, ad esempio, offrire la possibilità di sospendere contestualmente anche le garanzie accessorie, altre no.
Ancora una volta, però, bisogna fare attenzione e ricordarsi che, se si sospendono le garanzie accessorie, durante il periodo di interruzione queste non saranno valide; ad esempio, se il veicolo parcheggiato in un box privato viene rubato, la copertura furto-incendio non coprirà il danno.

Non ancora chiarite le modalità di sospensione

L’emendamento, nella sua formulazione attuale, non affronta alcuni aspetti tecnici che dovranno essere chiariti; non si fa riferimento, ad esempio, a quante volte si potrà sospendere la polizza né se vi sarà un periodo minimo di giorni di sospensione; e ancora, non vengono definite le modalità né, tantomeno, le procedure con cui fare richiesta alla compagnia assicurativa.

Possibili risparmi, ma non per tutti

Sospendere l’Rc auto e moto consente di allungare la validità della polizza per un periodo di tempo pari ai giorni di stop; per tradurre in beneficio economico questa opportunità, Facile.it ha fatto alcune simulazioni tenendo in considerazione che, a marzo 2020, per assicurare un veicolo in Italia occorrevano, in media, 498,45 euro, secondo i dati rilevati dal comparatore. Partendo da questo valore, Facile.it ha calcolato che un automobilista che scegliesse di sospendere per un mese l’Rc auto risparmierebbe, di fatto, circa 40 euro; se invece optasse per la sospensione massima concessa dall’emendamento (fino al 31 luglio), potrebbe risparmiare circa tre mesi e mezzo di polizza, quantificabili in circa 145 euro.
Il comparatore conclude sottolineando come dalle simulazioni emerga che “l’operazione potrebbe essere sì vantaggiosa, ma in effetti solo per sospensioni di lunga durata; di contro, il vantaggio potrebbe essere vanificato da eventuali costi di sospensione o riattivazione o, comunque, non valere la pena qualora le procedure per accedere a questa opportunità fossero troppo complesse”.
    

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti