Insurance Trade

Rivoluzione in Assimoco: ecco l'assetto rinnovato

Sedici nuove aree di governo, una nuova funzione, Cultura e sostenibilità, e una nuova business unit, Terzo settore ed Ethical consumers. Al vertice della catena di comando confermato Ruggero Frecchiami, direttore generale del gruppo

08/04/2019
Assimoco si riorganizza. È operativo il nuovo assetto della compagnia riferimento del mondo cooperativo. La nuova organizzazione è il risultato di un processo che ha coinvolto più di 400 persone, attraverso una revisione strategica delle principali funzioni dell’azienda, con la nascita della una nuova funzione Cultura e sostenibilità e della nuova business unit Terzo settore ed Ethical consumers. 

Al vertice della catena di comando confermato Ruggero Frecchiami, direttore generale del gruppo.  Il progetto, iniziato a ottobre 2018, ha ridisegnato l’organigramma complessivo, le mission e la creazione di 16 aree di governo, di cui 13 a diretto riporto del direttore generale e tre del consiglio di amministrazione. "Con questa riorganizzazione, che non muta l’organico del gruppo Assimoco – precisa Frecchiami –, s'intende perseguire ed esprimere, in modo ancora più evidente, l’eccellenza del servizio verso partner e clienti".

Nello specifico delle aree interessate all’organizzazione, 13 riporteranno a Frecchiami. La funzione Sviluppo offerta clienti è affidata a Elisabeth Cellie, che si occuperà di disegnare e sviluppare nuovi prodotti e servizi "creando valore differenziante su tutte le linee di business e segmenti di clientela"; l’area Sviluppo commerciale partner è guidata da Guido Gusella che insieme ai suoi collaboratori punterà a garantire "il raggiungimento degli obiettivi di crescita profittevole dei ricavi e un’esperienza di valore e differenziante per i partner".  

Alessia Borrelli è a capo della nuova funzione, Cultura e sostenibilità e gestirà il cambiamento culturale di Assimoco mentre supporterà l’attuazione della strategia aziendale e lo sviluppo di un "approccio distintivo alla sostenibilità d’impresa". L’altra nuova funzione, Terzo settore ed ethical consumers è sotto la responsabilità di Luca Di Lorenzo. 

Strategia e controllo di gestione è guidata da Mirella Maffei; l’area Amministrazione è stata affidata a Pasquale Cocca; quella Sviluppo persone e organizzazioni a Tiziano Merlini; la funzione Operations a Salvatore Graci; mentre dell’area Legale si occuperà Giorgio Colciago. L’Area tecnica protection è affidata a Silvia Camillo; quella Finanza e tecnica risparmio e investimenti ad Alessandro Masatti; Customer e partner service è di Davide Dal Mas. Ferdiando Scoa, infine, è a capo dell’area Sinistri e servizi.   

Completano l’organigramma aziendale le tre strutture a diretto riporto del consiglio di amministrazione: si tratta dell’Internal audit, sotto la responsabilità di Paola Cioni; l’area Compliance e antiriciclaggio, affidata a  Maria Teresa Nicolini; e Risk management e funzione attuariale, alla guida della quale ci sono Daniela Del Vecchio e Antonio Zurlo (responsabile per la funzione attuariale).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti