Insurance Trade

Unipol, protesta dei sindacati a Bologna nel giorno dell’assemblea

La richiesta è di un unico contratto integrativo di gruppo. Il cda conferma Cimbri group ceo

29/04/2016
Giungere a un unico contratto integrativo di gruppo. Questa la principale motivazione che ha spinto i sindacati First Cisl, Fisac Cgil, Fna, Snfia, Uilca a organizzare, ieri, uno sciopero generale dei lavoratori del gruppo Unipol, con un presidio nazionale di fronte alla sede di Bologna. Punto della discordia, le modalità di trattativa per la definizione di un unico Cia di gruppo.
La data scelta non era affatto casuale: proprio ieri, infatti, era in corso l’assemblea degli azionisti di Ugf, che ha approvato il bilancio 2015 (deliberando un dividendo di 0,18 euro per azione), e ha nominato i componenti del nuovo cda per il prossimo triennio: Carlo Cimbri confermato group ceo; Pierluigi Stefanini presidente, Maria Antonietta Pasquariello vice presidente.
Tornando all’agitazione sindacale, le Ooss in un comunicato congiunto hanno affermato che “la manifestazione di Bologna” che “ha visto la massiccia partecipazione di lavoratori da tutta Italia” è la prova “della convinta e attiva condivisione all’iniziativa sindacale. La riuscita dello sciopero e della manifestazione,  nonché dei tanti presidi sul territorio, è senza dubbio un segnale importante nei confronti dell’impresa, che sancisce la ferma determinazione di tutti i colleghi di giungere ad un unico contratto integrativo di gruppo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti