Insurance Trade

Covid-19, Lloyd's al recupero della solvibilità

Il solvency ratio è passato dal 238% al 220%, ma per il presidente Bruce Carnegie-Brown entro la fine di giugno il mercato londinese tornerà ai livelli del 2019

11/05/2020
I Lloyd's recupereranno la solvibilità perduta per il coronavirus entro la fine di giugno. Lo ha garantito il presidente Bruce Carnegie-Brown, a pochi giorni di distanza dalle rassicurazioni arrivate dal Treasury, dipartimento governativo per lo sviluppo e la gestione delle politiche di finanza pubblica, sul monitoraggio della stabilità del sistema finanziario britannico. “Ogni giorno che passa diventa sempre più chiaro che il Covid-19 costituisce la perdita peggiore per l'industria assicurativa a livello globale”, ha affermato Carnegie-Brown nel corso di una conferenza online. A differenza di quanto avvenuto con l'11 settembre e con le crisi finanziarie del 2008 e del 2009, la pandemia di coronavirus, ha proseguito il vertice dei Lloyd's, “ha infatti colpito entrambi i lati del bilancio patrimoniale delle assicurazioni”.
Nonostante ciò, il mercato londinese è fiducioso di poter tornare rapidamente sui livelli di solvibilità che aveva registrato prima dell'emergenza sanitaria. Alla fine del 2019 il solvency ratio era attestato al 238%: pochi mesi dopo, proprio a causa del coronavirus, il dato è sceso al 220%. Carnegie-Brown ha affermato che entro la fine del mese la solvibilità dell'istituto londinese potrà tornare sui livelli di dicembre, invitando allo stesso tempo gli assicuratori a liquidare rapidamente i sinistri per business interruption dovuti alla pandemia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti