Insurance Trade

Fintech, arriva la call di Cdp

Termine per le candidature fissato al 15 novembre: in palio un programma di accelerazione di quattro mesi con il supporto di mentor, aziende del settore e venture capital

Fintech, arriva la call di Cdp hp_wide_img
È partita oggi la call per start up promossa da Fin+Tech, l'acceleratore fintech e insurtech di Cdp – Rete Nazionale Acceleratori, nato da un'iniziativa di Cdp Venture Capital insieme a Digital Magics, Startupbootcamp, Fintech District e Sia.

Le start up interessate potranno presentare la propria candidatura entro il 15 novembre 2021 sul sito www.finplustech.eu: le realtà selezionate avranno la possibilità di accedere a un programma di accelerazione della durata di quattro mesi in cui riceveranno il supporto di un network di mentor, corporate di settore e venture capital. Le start up in fase seed e pre-seed riceveranno un finanziamento iniziale e il supporto dei partner: i team migliori avranno accesso a ulteriori finanziamenti già stanziati dai promotori dell'iniziativa.

Hanno aderito all'iniziativa Anima sgr, Banca Mediolanum, Bnl – Gruppo Bnp Paribas, Bnp Paribas Cardif, Compass, Credito Fondiario, Excellence Consulting e Reale Mutua in qualità di corporate partner. Partner istituzionale sarà invece la Consob con il suo gruppo di lavoro Consob Tech.

Il progetto, come illustra un comunicato stampa, punta a favorire “la collaborazione fra start up e primarie aziende nei settori finanziario e assicurativo, con il duplice obiettivo di far crescere e perfezionare le soluzioni delle start up e accelerare la trasformazione digitale delle aziende”. Più in generale, Fin+Tech si propone di accelerare 8 fintech e 8 insurtech all'anno per tre anni, per un totale di 48 start up selezionate sulla base del potenziale di crescita e dalla capacità di affrontare le principali sfide innovative di banche e assicurazioni.

Il programma avrà sede a Milano e sarà gestito da Digital Magics, Startupbootcamp e Fintech District. Sia fornirà invece il proprio supporto attraverso il proprio know-how, le tecnologie e il forte posizionamento in open innovation.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti