Insurance Trade

Alla ricerca del prezzo più conveniente

Polizze assicurative, bollette, conti correnti: su quali spese gli italiani riescono a risparmiare di più? Un’indagine promossa da Facile.it ha analizzato alcuni orientamenti dei consumatori

14/12/2018
È possibile risparmiare riducendo le principali voci di spesa familiare (utenze, assicurazioni, pay tv, conti correnti)? Se lo è chiesto Facile.it che ieri, in occasione dell’apertura suo negozio fisico di Milano, ha presentato i risultati di un’indagine realizzata da mUp Research e Norstat su un campione rappresentativo della popolazione adulta (nella foto: un momento della presentazione della ricerca).
Le spese familiari che secondo l’indagine hanno inciso maggiormente sugli italiani nell’ultimo anno sono state l’Rc auto (66,3%), la bolletta dell’energia elettrica (65,6%) e quella del gas (58,7%). I rispondenti si sono mostrati poi sempre più attenti anche a voci di spesa fino a qualche tempo fa poco considerate, come i costi della pay-Tv e del conto corrente. Più in generale, nell’ultimo anno il 40,9% degli italiani non è riuscito a risparmiare su queste voci di spesa; chi invece è riuscito a farlo, è riuscito a mettere da parte circa 620 euro.

Non solo Rc auto

Soffermandosi sulle abitudini degli italiani in tema di assicurazioni, secondo la ricerca sono 34,4 milioni gli italiani che hanno sottoscritto almeno una polizza nell’ultimo anno. Ovviamente la più diffusa resta l’Rc auto (96,8% del totale), ma sono sempre di più coloro che hanno scelto di sottoscrivere anche altre tipologie di polizze. Ad esempio 5,9 milioni di italiani hanno sottoscritto una polizza vita, 5,1 milioni un’assicurazione infortuni o una polizza sanitaria, 3,9 milioni un’Rc del capofamiglia e 3,7 milioni hanno acquistato una polizza casa. La ricerca, inoltre, segnala che altri prodotti assicurativi, pur risultando ancora marginali rispetto al totale delle assicurazioni, raggiungono ormai bacini piuttosto ampi: è il caso delle polizze viaggio, sottoscritte da quasi 1,8 milioni di italiani, e di quelle per gli animali domestici, acquistate da 1,7 milioni di concittadini.

Perché si cambia compagnia

L’indagine di Facile.it ha approfondito il comportamento degli intervistati rispetto all’Rc auto, cercando di analizzare quanti siano rimasti fedeli alla propria compagnia e quanti abbiano scelto di cambiare nel corso dell’ultimo anno. Il 19% degli automobilisti a fine contratto ha detto addio alla propria compagnia, un dato, questo, che l’indagine segnala come in forte crescita se si considera che 10 anni fa solo un assicurato su 10 prendeva tale decisione. Interrogati sui motivi alla base della decisione di cambiare, emerge che nell’86% dei casi il prezzo troppo elevato è la ragione principale, mentre solo nel 13% dei casi è il servizio a esser giudicato non all’altezza delle aspettative.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti