Insurance Trade

Moody’s, Brexit e Italia fanno paura

L'agenzia di rating mantiene l'outlook stabile per il settore assicurativo europeo, ma accende un faro sulle grandi questioni internazionali

20/11/2018
Moody’s mantiene stabile l’outlook per il settore assicurativo europeo. Il previsto rialzo dei tassi di interesse e l’ancora solida crescita economica, che potrà favorire la vendita di polizze, si scontrano infatti con altri elementi di rischio come la prospettiva di nuove operazioni di M&A e le continue modifiche al mix di attività. Sullo sfondo restano poi le grandi questioni internazionali: Brexit e Italia. “Una Brexit dura – ha affermato l’agenzia di rating – e un ulteriore peggioramento della qualità del credito dei titoli sovrani italiani sono due rischi-chiave per la stabilità delle prospettive” del settore.
Moody’s si aspetta nell’area euro una crescita dell’1,8% nel 2019. Il momento positivo rischia tuttavia di tradursi in un nulla di fatto, visto che la concorrenza di mercato non consentirà di lavorare sul prezzo e potrebbe addirittura portare a un peggioramento del combined ratio. Concorrenza che arriva anche da soggetti non tradizionali, come asset manager e società tecnologiche, e che sta spingendo le compagnie a cercare strade alternative come fusioni o acquisizioni. A tal proposito, Moody’s ricorda come questo tipo di operazioni tendano a ridurre il capitale e ad aumentare la leva, creando inoltre rischi di esecuzione. Nelle attese dell’agenzia di rating, le compagnie continueranno poi ad aumentare gli investimenti in attività illiquide e di minore qualità, incrementando il rischio per le società non preparate a un eventuale deterioramento del credito degli asset illiquidi. Attenzione infine sulla tenuta dei conti: la maggior parte delle compagnie che operano nel ramo Vita, ha detto Moody’s, sono riuscite ad adattarsi e a proteggere i margini, ma restano in alcuni casi, soprattutto in Germania, pressioni sulla solvibilità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

moody's, brexit,
👥

Articoli correlati

I più visti