Insurance Trade

Rc auto, 5 milioni di veicoli viaggiano senza copertura

L’allarme è stato lanciato dall’Asaps: secondo l’associazione, il trend sarebbe in aumento

23/05/2017
Nonostante le numerose misure messe in campo per contrastare l’evasione dell’obbligo assicurativo dell’Rc auto, il numero di vetture sprovviste di polizza sarebbe in aumento. Ad affermarlo è l’Asaps (associazione amici sostenitori della polizia stradale) che su questo argomento lancerà a breve un apposito e-book. Secondo l’associazione i veicoli (auto e moto) che nel 2014 viaggiavano senza polizza erano 3,9 milioni (l’8,7% del totale), cifra che ai giorni nostri sarebbe salita a 5 milioni: il 13% del parco circolante. L’Asaps parla di “progressione inquietante”, ricordando che i veicoli privi di polizza nel 2012 erano 3,1 milioni. Il presidente dell’associazione, Giordano Biserni, sottolinea la preoccupante situazione in alcune aree del Paese dove l’evasione “raggiunge percentuali da record”. La ’scopertura’ assicurativa si registra soprattutto in Campania: “in provincia di Napoli il 25,6 % dei veicoli manca di polizza Rc auto: di fatto uno su quattro. A Qualiano e a Striano, comuni della stessa provincia, la quota sale rispettivamente al 46 e a poco meno del 47%, mentre a Castel Volturno, nel Casertano, si arriva al 42%. E l’elenco potrebbe continuare, fino al record (49%) di Oldenico, in provincia di Vercelli”.
E a rendere ancora più complicato il quadro, sottolinea Biserni, c’è anche un’altra anomalia: “il ministero dell’Interno, di recente, ha chiarito che non c’è assicurazione obbligatoria per le auto immatricolate all’estero, libere di circolare temporaneamente sulle nostre strade grazie alla cosiddetta assicurazione virtuale in forza della quale il veicolo risulta comunque coperto in caso di incidente”.
Alla base del fenomeno, secondo Biserni, oltre alla crisi economica, ci sono anche due concause strutturali: l’abrogazione del reato di falsità in scrittura privata (articolo 485 del codice penale) e la dematerializzazione del contrassegno: “la caduta dell’obbligo di esporre sul parabrezza il vecchio tagliando giallo può spingere molti a insistere nell’evasione, nella speranza di non incappare in uno dei controlli attraverso la lettura elettronica della targa”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti