Insurance Trade

Previdenza, enti privati vincono ricorso al Tar del Lazio

La variazione del Pil sarà da ora il valore minimo per la rivalutazione dei montanti, a cui ci sarà libertà di aggiungere risorse proprie

09/09/2015
Gli enti di previdenza privati potranno utilizzare risorse proprie per migliorare le pensioni degli iscritti al di là della rivalutazione legata al Pil. È quanto ha deliberato il Tar del Lazio a seguito di un ricordo dell’Epap, l’ente di previdenza di geologi, chimici, attuari, agronomi e forestali che chiedeva di annullare il provvedimento del ministero del Lavoro che aveva negato agli enti una maggiore rivalutazione dei montanti previdenziali degli iscritti. L’effetto della decisione si estende a tutti gli altri enti di previdenza aderenti all’Adepp. 

Finora la rivalutazione dei montanti era equivalente alla media quinquennale della variazione del Pil nominale, che per il 2014 era negativa dello 0,1927%, arrotondata per legge a 0%. Il Tar del Lazio, con questa decisione, pone come base per la rivalutazione la media quinquennale del Pil, dando libertà ai singoli enti di previdenza di aumentare i montanti previdenziali e migliorare le pensioni degli iscritti con risorse proprie. 
Il presidente di Epap, Arcangelo Pirrello, sottolinea come la decisione del tribunale amministrativo sia di “portata storica”. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti