Insurance Trade

Truffa sulle polizze vita, ovvero morire per finta

È successo a Bastia Umbra, presso un'agenzia Allianz

Truffa sulle polizze vita, ovvero morire per finta hp_stnd_img
Siamo ormai tristemente abituati a leggere di strampalati artifici architettati per truffare le compagnie di assicurazione e incassare indennizzi per sinistri mai accaduti. Siccome ormai è quasi una prassi che la fantasia superi la realtà, accade anche che si organizzi persino la propria (finta) morte per poi incassare il premio di una polizza vita. Teatro di questa vicenda pirandelliana è stata Bastia Umbra, nei pressi di Perugia. Protagonisti alcuni lavoratori di origine indiana, emigrati in centro Italia con la speranza di far fortuna. 

Ma il lavoro scarseggia e così, con l'aiuto di alcuni parenti già residenti in territorio umbro, organizzano il loro piano, recandosi presso un'agenzia Allianz per stipulare due polizze sulla vita, da 262 mila e 322 mila ciascuna. Poi tornano in India e fingono un tragico incidente stradale in moto, correlato di foto e testimoni. A questo punto i parenti, senza indugio alcuno, si presentano dall'assicuratore per incassare il premio. Allianz mangia la foglia. Si accorge che qualcosa non torna e assolda un investigatore privato indiano (in odore di complicità) che conferma la veridicità dei fatti. Tuttavia il capo della sezione giudiziaria della Polizia Stradale, il commissario Giuliano Bellucci, vuole vederci chiaro: dopo otto mesi di lavoro è riuscito smascherare i truffatori, per poi passare il fascicolo definitivo al pm Massimo Casucci. 

Chiave di volta per risolvere il caso sono stati un certificato mancante e una storia che sotto troppi aspetti fa acqua da tutte le parti: i parenti hanno sostenuto, infatti, di aver portato i due giovani da un parente medico in una struttura privata, organizzando anche un finto funerale. Dopo indagini depistate, finte esequie e fotografie relative a un incidente mai verificato, si è riusciti a scoprire che, nella realtà dei fatti, in questa storia di morti non ce ne sono mai stati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti