Insurance Trade

Vendita Rca online, istruttoria dell’Acgm su comparatori e compagnie

Secondo l’Antritrust le aziende coinvolte si sarebbero scambiate regolarmente informazioni sensibili sulle condizioni economiche di vendita diretta attraverso la condivisione di report elaborati e distribuiti dalle società di comparazione di prezzo

Vendita Rca online, istruttoria dell’Acgm su comparatori e compagnie hp_wide_img
L’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) ha avviato un’istruttoria nei confronti di una serie di player assicurativi attivi nella vendita online di polizze Rc auto: 6Sicuro Spa, CercAssicurazioni.it Srl (Segugio), Daina Finance Ltd, Rappresentanza Generale per l’Italia (ComparaMeglio), Facile.it Broker di Assicurazioni Spa, Allianz Direct Spa, Admiral Intermediary Services Sa, B2C Innovation Spa, Bene Assicurazioni Spa, Compagnia Assicuratrice Linear Spa, Compagnia Italiana di Previdenza, Assicurazioni e Riassicurazioni Spa, Fit Srl Società Benefit, Genertel Spa, Hdi Assicurazioni Spa, Prima Assicurazioni Spa, Quixa Assicurazioni Spa, Verti Assicurazioni Spa e Zurich Insurance Public Limited Company - Rappresentanza generale per l’Italia.

L’istruttoria, spiega l’Agcm in una nota, è diretta ad accertare se le società che offrono servizi di comparazione di prezzo e le imprese assicurative coinvolte nel procedimento abbiano realizzato “un’intesa restrittiva della concorrenza tramite uno scambio di informazioni sensibili sulle condizioni economiche di vendita diretta delle polizze per la responsabilità civile auto”. Secondo l’Autorità, le società avrebbero scambiato, costantemente e con regolarità, informazioni sensibili sulle condizioni economiche di vendita delle polizze Rca attraverso la condivisione di report elaborati e distribuiti dalle società di comparazione di prezzo. L’intesa, inoltre, sostiene l’Antitrust, sarebbe stata realizzata almeno dal 2012 e si sarebbe verificata anche durante il periodo del primo lockdown imposto dal Governo per contrastare il diffondersi del Covid-19.

In particolare, si legge nel comunicato dell’Agcm, “grazie all’attuazione dell’intesa, le imprese assicurative sarebbero state in condizione di praticare ai consumatori premi più elevati per le polizze Rca, tramite politiche di sconti attenuati dalla conoscenza delle strategie commerciali e della politica di prezzo dei concorrenti nel segmento della vendita diretta”.
I funzionari dell’Autorità giovedì 20 maggio hanno svolto ispezioni nelle sedi delle società 6Sicuro, CercAssicurazioni.it, Facile.it, Admiral, B2C Innovation e Linear.

Alcune repliche delle società sotto l'occhio dell'Agcm

Facile.it, una delle società coinvolte nell’istruttoria dell’Agcm, ha diffuso un comunicato in cui spiega che “in riferimento alle notizie riportate dai media relativamente all'indagine Agcm che vede coinvolti diversi soggetti del mondo assicurativo fra cui Facile.it, precisiamo che stiamo collaborando con l'Autorità e siamo fiduciosi che l'istruttoria confermerà la legittimità del servizio offerto. Facile.it è un operatore che, stimolando un sano confronto competitivo tra le imprese assicurative, porta un vantaggio a tutti i consumatori e un beneficio per l'intero settore. Siamo fermamente convinti che una concorrenza leale e trasparente si traduce in un vantaggio per tutti e le nostre azioni sono sempre state ispirate al perseguimento di tale obiettivo”.

Cercassicurazioni S.r.l., broker assicurativo che gestisce tra l'altro la sezione di comparazione assicurazioni del portale Segugio.it, conferma che in data 20 maggio 2021 l'Agcm ha effettuato un accesso presso i propri uffici nell'ambito di un ampio provvedimento istruttorio che interessa le principali imprese di assicurazione dirette e i principali intermediari che forniscono comparazione di polizze assicurative.  La società, in una nota, "conferma piena collaborazione con le autorità al fine di completare al più presto il procedimento istruttorio e, fiduciosa della correttezza del proprio operato, attende con serenità l'esito finale dell'indagine".  Cercassicurazioni e Segugio.it, prosegue la nota, "mettono da sempre al centro la trasparenza e il risparmio per il consumatore: dal gennaio del 2014 a oggi, i prezzi medi delle nuove polizze Rc auto intermediate dalla società sono calati complessivamente del 23% ed hanno continuato a calare del 12% tra dicembre 2019 e aprile 2021. In media gli utenti che hanno sottoscritto una nuova polizza Rc auto servendosi di Segugio hanno speso nel quarto trimestre del 2020 un ammontare pari al 40% in meno rispetto al prezzo medio del mercato Rc Italia".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti