Insurance Trade

Covid-19, le compagnie Usa rinunciano a co-pagamenti

Cigna e Humana, come aveva già fatto Aetna, non chiederanno a molti clienti colpiti dal virus di contribuire al pagamento della degenza ospedaliera

30/03/2020
Altre due compagnie di assicurazione sanitaria Usa hanno rinunciato al co-pagamento dei pazienti per le cure per il coronavirus. Lo ha annunciato in conferenza stampa il presidente statunitense Donald Trump. Sia Cigna che Humana non richiederanno a molti dei loro clienti di effettuare co-payments o altre forme di condivisione dei costi per le cure Covid-19. I fornitori di assistenza sanitaria verranno rimborsati alle tariffe di rete degli assicuratori o alle tariffe Medicare. L’iniziativa era già stata pre-concordata lo scorso 10 marzo, dopo un incontro con il vice presidente Mike Pence.
Cigna ha detto che i pagamenti esonerati inizieranno oggi e continueranno fino al 31 maggio. Queste decisioni potrebbero far risparmiare migliaia di dollari ai pazienti colpiti dal coronavirus, a seconda della loro copertura e di quanta assistenza sanitaria hanno usato finora quest’anno. La scorsa settimana era stata Aetna ad aver annunciato la rinuncia ai co-pagamenti per i pazienti Covid-19. Molti altri assicuratori avevano già rinunciato in precedenza ai costi dei pazienti per i test o le visite mediche e la telemedicina per incoraggiare le persone con sintomi da coronavirus a chiedere aiuto. A ieri sera il numero di positivi al Covid-19 nel Paese, attualmente il più alto al mondo, contava 135.499 persone infette.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti