Insurance Trade

I danni economici del Coronavirus

Le epidemie sono in genere escluse dalla copertura assicurativa. Per molte aziende che hanno dovuto interrompere il business il conto da pagare potrebbe essere salato

30/01/2020
I morti causati dal coronavirus in Cina sono arrivati a 132, e nuovi casi sono segnalati in tutto il mondo. Ma oltre all’allarme sul fronte sanitario, il virus potrebbe avere un impatto significativo in termini economici. Molte aziende potrebbero dover pagare un conto salato per interruzioni causate da un nuovo coronavirus in Cina, in quanto le epidemie sono in genere escluse dalla copertura assicurativa. È quanto sottolinea un’analisi pubblicata dalla Reuters, che cita il parere di diversi esperti secondo cui le aziende dovrebbero affrontare miliardi di dollari in perdite legate a cancellazioni di eventi viaggi, e alla interruzione o chiusura di attività commerciali.
Se da un lato alcune grandi aziende globali scelgono di assicurarsi anche sulle malattie trasmissibili, la maggior parte delle polizze assicurative standard escludono tali focolai per mantenere bassi i costi. Pandemie precedenti, come Sars, Ebola e Zika, hanno portato gli assicuratori a essere più cauti sull’esposizione, con esclusioni di virus specifiche aggiunte alla maggior parte delle polizze di base. La Reuters cita il caso della Sars che si è diffusa in 37 Paesi nel 2003: in quel caso le perdite economiche sono state di 4 miliardi di dollari a Hong Kong, 3- 6 miliardi in Canada e 5 miliardi a Singapore (stime Marsh).
Gli esperti assicurativi hanno inoltre dichiarato a Reuters che la maggior parte delle polizze di annullamento degli eventi non copre il nuovo virus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

👥

Articoli correlati

I più visti