Insurance Trade

Greco: gli agenti nostro punto di forza, non ridimensioneremo il loro ruolo

In una lettera inviata al presidente del Gaa Vincenzo Cirasola, il ceo del gruppo Generali riafferma l'importanza delle reti di vendita

21/01/2013
Nessun ridimensionamento del peso del canale agenziale in Italia ma, al contrario, un rafforzamento del ruolo della rete di vendita di Generali. È questa la rassicurazione che Mario Greco, ceo del gruppo triestino, ha voluto dare agli agenti della compagnia in risposta a una lettera che il presidente del gruppo agenti Generali, Vincenzo Cirarsola aveva inviato alla dirigenza del gruppo, all'indomani della presentazione del piano strategico alla comunità finanziaria, tenutosi lo scorso 14 gennaio a Londra.

In un primo tempo erano emersi vari timori tra gli agenti, dopo che il group ceo del Leone di Trieste aveva parlato di una riduzione della dipendenza di Generali dalla rete, per valorizzare di più e meglio gli altri canali: da quello diretto, alla bancassicurazione, ai broker. 

Nel botta e risposta tra il presidente del gruppo aziendale e Greco, il ruolo degli agenti di Generali viene definito di primo piano nel modello distributivo italiano", rimarcando come questi rappresentino storicamente "il punto di forza della presenza della compagnia in Italia". 

Va sottolineato che già in precedenza sia Mario Greco, sia il country manager Raffaele Agrusti, durante un incontro avuto assieme al Gaa lo scorso dicembre, avevano garantito a Cirasola che il ruolo strategico e di primo piano degli agenti non sarebbe stato messo in discussione ma, al contrario, rafforzato.
Nella missiva di Greco, data 17 gennaio, il ceo riconferma l'impegno a rafforzare ulteriormente il canale agenziale, sottolineando come ciò che viene riportato dalla stampa indichi una visione strategica del gruppo a livello mondiale, con particolare riferimento a quei Paesi in cui la distribuzione e il presidio del mercato si basano su modelli differenti da quello italiano. 

"Sono soddisfatto della risposta di Mario Greco, anche se, come già sottolineato in altre occasioni, continueremo a vigilare, affinché il canale agenziale continui a rivestire un ruolo importante nella visione strategica del gruppo", precisa Vincenzo Cirasola. "Negli ultimi 10 anni grazie alla profonda capacità di ascolto, alla risolutezza e alla determinazione di tutto il management della compagnia siamo riusciti a tradurre la teoria in pratica diventando l'esempio tangibile del tanto teorizzato metodo vincente, invidiati da tutto il mercato. Sono onorato - conclude Cirasola - che anche Mario Greco ci abbia fornito un segnale concreto di voler continuare sulla strada del dialogo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti