Insurance Trade

Accesso al fondo Pmi, il plauso di Acb

L’associazione saluta con favore l’approvazione dell’emendamento dal dl liquidità che estende la garanzia anche agli intermediari assicurativi

29/05/2020
Acb accoglie con soddisfazione l’approvazione dell’emendamento da parte della commissione Attività produttive e Finanze della Camera che apre il Fondo di garanzia previsto dal decreto Liquidità a sostegno delle Pmi, anche alla categoria degli intermediari.
Anche Acb, così come altre rappresentanze nazionali di intermediari assicurativi, aveva chiesto di correggere quanto inizialmente previsto dal decreto, che escludeva dai beneficiari del fondo di garanzia gli operatori qualificati alla lettera K del Codice Ateco paragonando di fatto agenti e broker alle compagnie assicurative. In particolare, il presidente dell'associazione, Luigi Viganotti, aveva scritto all'on. Alessia Morani, sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico, per sollecitare un intervento normativo che garantisse l'accesso al fondo anche ai broker, nonché ai loro collaboratori e produttori.
“In un momento storico di grande sofferenza finanziaria e sociale  e di difficile situazione economica – osserva una nota di Acb  - la categoria dei broker assicurativi è stata pesantemente penalizzata accusando una forte riduzione di liquidità dovuta a minori introiti per una mancata entrata di fatturato provvigionale”. Secondo il presidente Viganotti, “a fronte dell’approvazione dell’emendamento inserito nel decreto Cura Italia siamo molto soddisfatti del risultato della nostra azione presso le istituzioni , azione mirata alla protezione della categoria dei broker assicurativi, strutture di fondamentale importanza all’interno del comparto assicurativo, e che contribuiscono a costituire il tessuto produttivo della nostra economia nazionale. Un particolare apprezzamento al ministero e ai parlamentari che hanno valutato positivamente le richieste pervenute dalla categoria”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti