Insurance Trade

Allianz, utile netto di gruppo a 7,46 miliardi di euro nel 2018

Premi in aumento anche in Italia: la raccolta sale del 3% e raggiunge i 16,1 miliardi di euro

15/02/2019
Il gruppo Allianz ha registrato nel 2018 un utile netto in aumento del 9,7% su base annua, a 7,46 miliardi di euro, grazie ai minori rimborsi legati a disastri naturali. L‘utile operativo si è attestato di 11,5 miliardi di euro ed è in linea con le aspettative del mercato. Per l'esercizio 2018, il cda propone di distribuire agli azionisti un dividendo di 9 euro per azione, in aumento rispetto agli 8 euro del 2017. Da un punto di vista operativo, le vendite dello scorso anno sono aumentate del 3,6% a 130,6 miliardi. Per il 2019 il gruppo prevede una performance operativa dello stesso livello dell'anno appena concluso. Il gruppo tedesco, inoltre, ha anche annunciato che lancerà quest'anno un programma di riacquisto di azioni per 1,5 miliardi di euro. Il programma inizierà il prossimo 1° marzo e si concluderà il 31 dicembre di quest'anno. Quando arriverà a conclusione, Allianz eliminerà tutte le azioni riacquistate.

Ottime le performance in Italia

Anche In Italia Allianz ha chiuso il 2018 con performance in crescita. I premi vita e danni risultano in aumento del 3% a 16,1 miliardi di euro, mentre l’utile operativo si è attestato a 1,3 miliardi di euro. In una nota, Allianz Italia sottolinea che nel 2018 “nel comparto danni si è consolidato il trend di crescita dei premi sia nel segmento auto che non auto”. Lo scorso anno, inoltre, è cresciuto “il canale agenti, strategico per lo sviluppo della compagnia” in tutti “i segmenti danni, con una robusta ripresa del new business auto. Infine nel comparto vita si è registrato un “forte sviluppo di CreditRas Vita con le unit-linked nella bancassurance”. Per Giacomo Campora, amministratore delegato di Allianz Italia, “la strategia che punta sulla figura dell'agente professionista e sulla centralità del cliente si conferma efficace, anche in un contesto di mercato sfidante come lo scorso anno”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti