Insurance Trade

CattRe più forte nelle linee di rischio non tradizionali

Raccolta premi 2020 in forte crescita e risultato tecnico positivo secondo le stime preliminari di esercizio

CattRe più forte nelle linee di rischio non tradizionali hp_wide_img
CattRe, la start up del gruppo Cattolica dedicata alle linee di rischio non tradizionali, ha analizzato i dati preliminari emersi a inizio anno, e prevede di chiudere l’esercizio 2020 con una raccolta dei premi lordi contabilizzati in forte crescita a 84 milioni di euro, in aumento rispetto ai 42,5 milioni del 2019, e con un risultato tecnico netto positivo a 5 milioni di euro.

CattRe, anche grazie a recenti acquisizioni, conta oggi su un gruppo di managing general agencies (Mga) con competenze specialistiche focalizzate su diverse linee di business: Satec Underwriting, attiva nei settori Space, Aviation, Property & Construction, Casualty, Sport & Leisure, Environmental, Cyber, Global Re, Surety Bond, Financial Lines, Weather & Contingency; Mediterranea Underwriting, focalizzata sul business Marine nei settori Hull Yard, Yacht, Cargo e centro di competenza nella gestione dei sinistri Specialty Lines delle mandanti di gruppo; Qubo Insurance Solutions, società con una lunga esperienza nelle linee di business Logistica e Trasporti; Aladdin, neocostituita agenzia di sottoscrizione per le linee di business Travel & Mobility; e All Risks Solutions, veicolo societario oggi disponibile per nuove iniziative in fase di valutazione dopo che, a fine 2020, la linea di business financial lines di Satec Underwriting ha preso in carico la gestione del portafoglio precedentemente gestito dalla società.

Il cda di Cattolica, “in linea con quanto previsto nei piani di crescita aziendale” ha immesso capitale per 15 milioni di euro a sostegno dello sviluppo di CattRe.
Secondo Nazareno Cerni (nella foto), ad di CattRe e vice direttore generale del gruppo Cattolica, l’attuale livello di sviluppo raggiunto delle specialty lines e di CattRe “sono un grande successo della politica di diversificazione del business attuata dal gruppo Cattolica nell’ambito del suo piano di crescita. Questo modello operativo, unico in Italia e con pochi eguali in Europa, ci permette di rispondere in modo rapido e dinamico alle esigenze del mercato dei rischi non tradizionali. I risultati conseguiti e la fiducia che ci accordano i nostri partner sono motivo di grande soddisfazione e ci spingono a guardare lontano, verso nuovi e più ambiziosi traguardi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti