Insurance Trade

Relyens, un 2019 in crescita

Il gruppo mutualistico prosegue nel processo di trasformazione e consolida la presenza europea attraverso i marchi Sham, Sofaxis e Neeria

Relyens, un 2019 in crescita hp_wide_img
Il gruppo mutualistico francese Relyens ha chiuso il  2019 con una crescita delle proprie attività: è stato un anno in cui, spiega una nota, l’azienda ha proseguito la propria trasformazione “consolidando le attività storiche e affermando la propria dimensione europea” attraverso i marchi Sham, Sofaxis e Neeria. Il gruppo, oltre che in Francia è presente in Italia, Germania e Spagna. La crescita, spiega l’azienda, è stata sostenuta dalla diversificazione delle attività ma anche caratterizzato da un contesto di mercato difficile, in particolare in Francia.
Nel 2019 il gruppo ha raccolto premi per 891 milioni di euro, in crescita del 5% rispetto all’anno precedente. In aumento rispetto al 2018 anche il fatturato (484 milioni, +6%), mentre risulta in calo il risultato netto, che diminuisce di 5,7 milioni rispetto ai 16 milioni del 2018.  I fondi propri ammontano a 343,6 milioni di euro (+21, 5% negli ultimi cinque anni). L’agenzia di rating AM Best è confermato il rating A- con prospettive stabili.
“Il 2019 – ha spiegato il direttore generale, Dominique Godet – è stato un anno di crescita particolarmente intensa per Relyens. In un contesto di trasformazione dei nostri clienti e delle nostre professioni e di forti tensioni concorrenziali e tariffarie, abbiamo saputo consolidare le nostre attività storiche e affermare la nostra dimensione europea rispondendo al contempo a sfide economiche e di solvibilità e portando avanti le nostre trasformazioni. L'impegno costante dei nostri team, anche nell'attuale crisi sanitaria del Covid-19, è lodevole. Nel 2020, manterremo la rotta del nostro piano strategico per accompagnare i clienti e i soci nella gestione dei rischi e contribuire così a mettere in sicurezza le attività e a proteggere le donne e gli uomini che si impegnano al servizio di pazienti e cittadini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti