Insurance Trade

Cattolica taglia i target del piano al 2020

Il gruppo si attende un utile operativo inferiore rispetto a quello fissato nel piano triennale attualmente in corso a causa di “scenari finanziari e assicurativi più sfavorevoli”

07/02/2020
Cattolica Assicurazioni taglia i target al 2020 del piano industriale rispetto a quelli ipotizzati in occasione della sua predisposizione, a causa di “scenari finanziari e assicurativi più sfavorevoli”. Come si legge in una nota, il gruppo veronese si attende un risultato operativo più basso di quanto stimato in precedenza: il cda “ha preso atto e approvato nuove proiezioni riguardanti l’esercizio 2020 che risultano leggermente inferiori rispetto a quanto precedentemente comunicato ai mercati finanziari durante la presentazione del Piano Industriale 2018-20”. Il risultato operativo è atteso in un intervallo compreso tra 350 e 375 milioni di euro. Rispetto alla forchetta precedentemente comunicata (375-400 milioni di euro) è quindi presente uno scostamento pari al -6% tra i due valori medi. “Gli scenari finanziari e assicurativi fino a oggi materializzatesi – si legge nel comunicato – e quelli previsti per l’esercizio in corso risultano più sfavorevoli rispetto a quanto ipotizzato nella stesura del Piano Industriale 2018-20, in particolare a causa della persistenza di una dinamica competitiva molto accentuata, e di tassi di interesse più bassi del previsto che comportano un’erosione dei rendimenti finanziari”.
Le prime risultanze dell’esercizio 2019 mostrano premi totali della raccolta diretta intorno ai 6,9 miliardi di euro, in rialzo del 20,0%, di cui 2,2 miliardi di euro nel comparto danni (+2,5%) e 4,8 miliardi di euro in quello vita (+30,0%). Il risultato operativo 2019 dovrebbe assestarsi a circa 300 milioni di euro, valore marginalmente superiore al precedente esercizio (292 milioni di euro), “nonostante lo sfavorevole aumento del costo dei sinistri causati da eventi atmosferici”. Ad ogni modo l’utile netto di gruppo del 2019 è previsto in calo rispetto allo scorso esercizio “a causa di alcune poste negative straordinarie non pianificate ancora in fase di definizione, tra le quali la già comunicata perdita derivante dalla cessione di Cattolica Life”.
Il cda, inoltre, ha preso visione e approvato il piano Rolling 2020-22 del gruppo. “L’attività di esame e approvazione del piano rolling triennale è svolta almeno annualmente ed è propedeutica a numerosi altri fini, anche regolamentari”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

cattolica,
👥

Articoli correlati

I più visti