Insurance Trade

Responsabilità patrimoniale, no dei medici

I sindacati dei camici bianchi contrari a un emendamento all’intesa Stato-Regioni

21/04/2015
Se il medico sbaglia, le Regioni non ne vogliono sapere. Un emendamento all’intesa tra Stato e Regioni (promosso da queste ultime), infatti, introdurrebbe “un’inedita responsabilità patrimoniale per i medici colpevoli di aver prescritto prestazioni ritenute inappropriate”. È questo il sunto della conferenza stampa convocata questa mattina a Roma dalle maggiori sigle sindacali dei medici convenzionati e dipendenti, che hanno affermato la loro netta contrarietà rispetto a questa ipotesi. Nel corso dell’incontro i sindacati dei camici bianchi hanno espresso le proprie preoccupazioni non soltanto per la categoria, ma anche per gli effetti che la nuova responsabilità patrimoniale produrrebbe “sul Servizio sanitario nazionale e sul diritto alla salute dei cittadini”. Per Giampietro Chiamenti, presidente nazionale della Federazione italiana medici pediatri, “il fatto che il ministro della Salute Beatrice Lorenzin si sia detta contraria all’emendamento è un buon segnale, che va nella giusta direzione rispetto a una proposta sbagliata e da rigettare”, che, auspica il presidente della Cimo, Riccardo Cassi, “ci auguriamo che rimanga invariata anche giovedì dopo l’incontro con la Conferenza Stato-Regioni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti