Insurance Trade

Ania, marzo nero per il ramo danni

Secondo i dati dell'associazione delle imprese, il primo trimestre del 2020 ha fatto segnare una flessione della raccolta dopo anni di segno più: colpa del Covid-19

04/06/2020
Dopo tre anni di crescita continua, nel primo trimestre 2020 la raccolta premi complessiva del settore danni in Italia è risultata in calo dello 0,5% rispetto alla fine del primo trimestre 2019, con un volume raccolto pari a 9,4 miliardi di euro. Secondo l’Ania, l’inversione del trend è attribuibile “alla situazione emergenziale legata al diffondersi del virus Covid-19 che ha pesantemente condizionato i processi di vendita e l’operatività delle imprese di assicurazione”. Nel solo mese di marzo la contrazione dei premi è stata di circa il 7%, rispetto allo stesso mese del 2019. 

È ovviamente il mese di marzo ad aver condizionato pesantemente la raccolta, essendo stato l’unico mese del trimestre a essere soggetto al lockdown totale, nonostante l’attività assicurativa sia stata compresa tra le industry non soggette a chiusura. Il calo del settore auto (-4,3%) ha condizionato l’andamento del trimestre: il ramo Rc auto, in particolare, ha registrato una riduzione pari al 5,5% che a marzo ha toccato il 12%. Anche gli altri rami danni registrano una decelerazione: se alla fine del primo trimestre 2019 la crescita superava il 6%, alla fine del primo trimestre 2020 lo sviluppo si è più che dimezzato (+2,7%) per effetto del calo nel solo mese di marzo, pari al -2,4%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

👥

Articoli correlati

I più visti