Insurance Trade

Gia Italiana, Tomiato confermato presidente

Questo l'esito della ventisettesima assemblea elettiva della rappresentanza, che si è svolta a Venezia dal 14 al 16 ottobre

Gia Italiana, Tomiato confermato presidente hp_wide_img
Si è svolta dal 14 al 16 ottobre scorsipresso l'Hotel NH Laguna Palace di Venezia la ventisettesima assemblea generale elettiva del Gruppo Intermediari Assicurativi Italiana (gli agenti ex Uniqa) a cui hanno preso parte 196 agenzie (fra presenze e deleghe).
L'assemblea ha confermato, come previsto, il presidente uscente Claudio Tomiato anche per il triennio 2021-20124. Assieme a Tomiato, faranno parte del consiglio direttivo anche Roberto Morbinati (vice presidente),  Sergio Di Matteo (segretario), Stefano Pandolfo, Michele Tescaro, Rosalba Barzanò, Nicola Di Virgilio, Tullio Fornasa, Fausto Lipparini.

Al termine del confronto tra gli agenti e delle giornate di dibattito, il gruppo ha redatto la mozione finale dell'assemblea, in cui si legge che "pur dando atto dei miglioramenti ottenuti, degli investimenti e degli sforzi della compagnia per dare attuazione alle promesse di adeguamento delle procedure e dell’organizzazione, (il gruppo, ndr) rileva come a tutt’oggi persistano pesanti criticità e difficolta operative, con particolare riguardo al sistema informatico, alle procedure assuntive, al corporate e al settore vita".

L’assemblea ha rilevato come queste difficoltà "compromettano l’operatività delle agenzie e impediscano un lavoro di qualità, la possibilità di un presidio del mercato e di uno sviluppo del portafoglio a cui gli agenti vogliono dedicare il loro lavoro".

Le istanze presentate dagli agenti

L’assemblea pertanto ha dato mandato al direttivo di rappresentare una serie di istanze. In primis, secondo il gruppo agenti, "va superato il ritardo nel fornire le agenzie di un adeguato sistema informatico. Va al più presto rilasciato - si legge nella mozione - un sistema moderno, performante e soprattutto dotato di tutte le funzioni integrate, per ridare agli agenti la possibilità di dedicare il loro tempo alle attività di vendita, attività che un agente professionista, manager ed imprenditore deve poter fare serenamente e senza il condizionamento di sistemi inefficienti". L’assemblea ha richiamato poi grande attenzione "sulla necessità che al rilascio il sistema sia sufficientemente testato, così da evitare ulteriori impatti negativi sulle agenzie".

In secondo luogo, gli agenti del gruppo ritengono indispensabile che "gli uffici assuntivi di direzione diano veloce supporto e assistenza alle agenzie, con particolare riguardo ai rami danni e speciali, la cui operatività è oggi pesantemente compromessa e vanifica possibilità assuntive anche in settori fortemente in sviluppo quali l’intero comparto dell’edilizia".

Infine, secondo il gruppo guidato da Tomiato, "vanno ampiamente riviste e rivalutate le autonomie agenziali, anche affrontando in modo definitivo il problema delle procure agli agenti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti