Insurance Trade

Groupama Assicurazioni, utile netto semestrale a 35,7 milioni di euro (+21,9%)

Cresce del 7,3% la raccolta premi, grazie al buon andamento del settore vita

19/09/2014
Groupama Assicurazioni chiude il primo semestre 2014 con una crescita dell'utile netto e del fatturato. Per quanto riguarda il primo dei due indicatori, il risultato netto della compagnia ha raggiunto i 35,7 milioni di euro, salendo del 21,9% rispetto al primo semestre dello scorso anno, beneficiando di una forte crescita del vita, settore che da solo raggiunge i 13,1 milioni di euro.

La raccolta premi consolidata complessiva fa segnare un +7,3% rispetto ai primi sei mesi 2013, attestandosi a 758,8 milioni di euro. Il maggiore contributo è arrivato dal settore vita, con 196,5 milioni di euro (+74,6% sul primo semestre 2013), forte del buon andamento sia della bancassicurazione (60 milioni) sia del canale agenziale (cresciuto, nel periodo, di 25 milioni).
Relativamente al settore danni (che pesa per l'80% sul totale dei premi) si è registrata una flessione del 4,7% su cui pesa il difficile contesto di mercato del ramo auto (mentre la raccolta danni non auto cresce del 7,6%). Il combied ratio del settore si attesta al 92,2%.

Questi risultati sono particolarmente importanti - spiega il neo ad di Groupama Assicurazioni, Dominique Uzel (nella foto) - poiché l'Italia rappresenta oltre il 50% del giro d'affari del perimetro internazionale di Groupama e dunque è evidente il valore strategico di questo Paese per l'intero Gruppo. Nei prossimi mesi - aggiunge - continueremo a essere concentrati sul raggiungimento di un migliore equilibrio tra le diverse attività danni e vita, in linea con quanto avvenuto nel primo semestre". A indicare i principali passi strategici attraverso cui la compagnia intende crescere in Italia è il nuovo vice direttore generale, Yuri Narozniak: miglioramento della qualità del servizio ai clienti e ampliamento dell'offerta prodotti e servizi, "così da essere sempre più competitivi sul mercato. A questo proposito - rivela Narozniak - stiamo già lavorando alla digitalizzazione degli strumenti a disposizione della rete agenziale e alla rivisitazione della gamma prodotti, introducendo servizi di prevenzione del rischio e assistenza".


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti