Insurance Trade

Rischio ambientale, Axa XL lancia un nuovo servizio per le aziende

Environmental Sensitivity si avvale dell'esperienza dei risk consultant della compagnia e di algoritmi di elaborazione automatica e applicazioni di intelligenza artificiale

Rischio ambientale, Axa XL lancia un nuovo servizio per le aziende hp_wide_img
Axa XL Risk Consulting ha annunciato il lancio di Environmental Sensitivity un nuovo servizio di valutazione dei rischi progettato per aiutare le aziende a identificare e mitigare l'inquinamento e i rischi ambientali in Europa e nel Regno Unito. 

La soluzione, si legge in una nota, è disponibile attraverso il servizio Risk Scanning di Axa XL, che permette ai risk manager di "generare valutazioni dei siti delle rispettive aziende per regione, Paese o pericolo ambientale al fine di comprendere meglio le proprie esposizioni e di implementare misure di gestione e trasferimento del rischio che corrispondano alle specifiche esigenze".

Il nuovo servizio si avvale dell'esperienza dei risk consultant di Axa XL e di algoritmi di elaborazione automatica e applicazioni di intelligenza artificiale. 
"Per comprendere le esposizioni ambientali - spiega Dominik Scheiben, senior casualty risk consultant - i risk manager devono considerare quattro dimensioni critiche: la fonte di un potenziale inquinamento, il percorso che un inquinante potrebbe percorrere, ciò che potrebbe essere impattato e le condizioni di base del sito o dei siti dell'azienda". 

I dati elaborati e messi a disposizione provengono da fonti pubbliche, streaming, sensori o rilevatori, immagini satellitari e informazioni specifiche dei clienti al fine di aiutare le aziende a capire dove concentrare gli interventi di gestione del rischio. 
"Questa nuova soluzione - commenta Jonathan Salter, global head di Axa XL Risk Consulting - non solo permette ai nostri clienti di sfruttare nuove fonti di dati, ma soprattutto di sovrapporre senza soluzione di continuità i dati provenienti da svariate fonti per delineare una visione più granulare delle rispettive esposizioni".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti