Insurance Trade

Helvetia prosegue con la strategia Helvetia 20.20

Il gruppo, sul cui risultato semestrale ha pesato la pandemia ed effetti una tantum, ha comunicato dati solidi

16/09/2020
“L’attuazione della strategia Helvetia 20.20 prosegue secondo i piani, nonostante le conseguenze del Covid-19”. Su questa considerazione si poggiano i risultati dei primi sei mesi 2020 del gruppo assicurativo Helvetia, i cui vertici hanno sottolineato anche come la compagnia sia sulla buona strada per conseguire i suoi obiettivi strategici. A fine giugno, Helvetia ha completato l’acquisizione della spagnola Caser che, tra l’altro, ha registrato un andamento positivo. 
Il primo semestre 2020, si diceva, è stato contraddistinto dalle conseguenze del Covid-19. “In uno scenario complesso – dice la compagnia – hanno trovato conferma la stabilità del modello operativo e la solidità della capitalizzazione”. 

Il volume degli affari non vita ha registrato una crescita del 9%, grazie principalmente a specialty markets e all’assicurazione cose in Svizzera e in Europa. Nel ramo danni, il combined ratio è stato pari al 95,9%, un livello giudicato buono, considerati gli effetti negativi delle misure prese per contenere la pandemia, e che “conferma la capacità di resistenza e la qualità del portafoglio”. 
Per quanto concerne gli affari vita, “molto positivo è stato l’andamento in Europa dei prodotti vincolati a investimenti, con un incremento del 26,8% al netto degli effetti valutari”, si legge in una nota. 

Il volume d’affari complessivo è tuttavia diminuito a seguito dell’introduzione di una nuova tariffa nel ramo vita collettiva Svizzera, in linea con le previsioni, scendendo a 5.657 milioni di franchi svizzeri, cioè un calo pari al 3,2%. Robusto, pari al 2,8%, il margine per i nuovi contratti: un risultato ben al di sopra dell’obiettivo strategico. 
Una nuova fonte di guadagno, inoltre è stata il primo fondo immobiliare di Helvetia Asset Management, lanciato proprio nella prima metà dell’anno. Tuttavia, per quanto riguarda il risultato, gli investimenti hanno risentito della performance nettamente più debole, dovuta al crollo dei mercati azionari. È stato inoltre contabilizzato un effetto straordinario negativo, legato a un progetto di rinnovo del sistema IT nel mercato svizzero. Nel primo semestre 2020, il risultato al netto delle imposte è stato quindi una perdita di 16,9 milioni di franchi svizzeri. 

“Le attività operative di Helvetia si confermano solide e resistenti nonostante le conseguenze del Covid-19. A ciò ha contribuito anche la nostra diversificazione geografica. Malgrado gli effetti straordinari una tantum, che pesano sul risultato, siamo fiduciosi di riuscire a raggiungere gli obiettivi stabiliti nel quadro della strategia Helvetia 20.20”, ha commentato Philipp Gmür, ceo del gruppo Helvetia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti