Insurance Trade

Mediazione si riparte. Per l'ennesima volta

Al via con molte modifiche l'istituto giuridico già bocciato dalla Consulta

20/09/2013
Dal 21 settembre è ripartita la mediazione obbligatoria. Dopo lo stop imposto dalla Consulta nel 2012, causa un eccesso di delega al decreto legge del 2010, la procedura che nelle intenzioni dovrebbe alleggerire il peso dei processi civili in capo ai tribunali, prende il via con alcune importanti novità. Per quanto riguarda il settore assicurativo, esce dall'elenco dei procedimenti per cui è obbligatoria la mediazione, l'Rc auto, ma viene aggiunta alla responsabilità medica anche quella sanitaria. Per la prima resta in piedi la conciliazione paritetica, istituto ben visto sia da Ania sia dai consumatori. 

Le altre materie oggetto del mediatore sono condominio, diritti reali, divisioni, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazioni, comodato, affitto di aziende, diffamazione a mezzo stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi (salvo quelli esclusi), bancari e finanziari. La nuova mediazione dovrebbe essere più semplice ed economica: il primo incontro tra le parti sarà gratuito, la durata massima del procedimento sarà di tre mesi (non più quattro) e la competenza è ancorata al territorio.
L'obbligo di mediare sarà in vigore per quattro anni: poi il ministero della Giustizia verificherà i risultati e deciderà se sarà il caso di continuare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti