Insurance Trade

Legge SalvaBebè, UnipolSai lancia il suo dispositivo antiabbandono

Qshino si adatta a tutti i modelli di seggiolini presenti sul mercato. Dal prossimo 6 marzo partirà in via definitiva l’obbligo di legge

04/02/2020
UnipolSai ha lanciato un cuscino antiabbandono per seggiolini auto. L’iniziativa si pone l’obiettivo di andare incontro alle esigenze del mercato rispetto alla legge cosiddetta Salva bebè n. 117/2018 e al successivo decreto attuativo n.122/2019. Il dispositivo si chiama Qshino, ed è stato messo a punto da AlfaEvolution Technology, il centro di competenze del gruppo Unipol sui servizi telematici. Il cuscino antiabbandoni di UnipolSai, in commercio da metà dicembre, si posiziona sopra i seggiolini auto. Nei primi giorni di commercializzazione, spiega una nota della compagnia, “le vendite hanno già raggiunto alcune migliaia di pezzi”.
Si stima che gli italiani, che dovranno necessariamente comprare tali dispositivi, sono un milione e 800mila, più 400mila ogni anno a causa delle nuove nascite. Qshino è in vendita presso le agenzie UnipolSai, su Amazon e presso la gdo, permettendo a chi ha già un seggiolino per bambini o ne acquista uno nuovo sprovvisto del dispositivo antiabbandono di soddisfare i requisiti della legge.

Come funziona Qshino

La soluzione del cuscino antiabbandono, da applicare su un seggiolino auto che non ha già integrata tale funzionalità, può essere utilizzata sia per i seggiolini usati che per i seggiolini appena acquistati: Qshino è adatto a tutti i modelli di seggiolini auto. Il prodotto diUnipolSai funziona attraverso la connessione bluetooth dello smartphone dell’autista. L’interazione è limitata al primo collegamento, mentre i successivi utilizzi del dispositivo non richiedono interazione. Il funzionamento del cuscino è molto semplice: se l’autista si allontana dal mezzo e porta con sé lo smartphone, alla caduta della connessione bluetooth tra smartphone e cuscino, l’app su smartphone emette un segnale sonoro ripetuto e viene inoltre visualizzata sull’app una notifica che segnala l’abbandono del bimbo. Tramite l’App dedicata è obbligatorio indicare almeno tre numeri amici che, in caso di mancata risposta dell’autista all’allarme di abbandono bambino in auto, riceveranno un sms con la segnalazione del rischio in corso e il relativo posizionamento del veicolo (se attiva geolocalizzazione su smartphone autista). Sempre tramite la app è possibile delegare fino a cinque utenti diversi che trasportano il bambino (nonni, babysitter, fratelli/sorelle maggiori ecc), in modo che il loro smartphone possa connettersi con il cuscino e ricevere gli eventuali allarmi di abbandono.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

I più visti