Insurance Trade

Giuseppe Mussari è fuori dall'Abi

L'associazione eleggerà il presidente prima del 20 febbraio

23/01/2013
 E' terminata l'era di Giuseppe Mussari. Ieri sera il presidente dell'Abi, in carica dal 2010 si è dimesso in modo irrevocabile, dopo il grande clamore che sta suscitando lo scandalo dei derivati in pancia a Mps, che potrebbero portare una perdita fino a 740 milioni. Le deleghe d presidente passano al vicario Camillo Venesio. Sei anni da presidente di Mps e cinque alla Fondazione Monte Paschi, Mussari è uscito di scena dopo una giornata convulsa, con l'accusa di aver autorizzato le operazioni Alexandria e Santorini attraverso la banca d'affari giapponese Nomura nel 2009. Quest'ultima chiama in causa tutto il cda di Mps, compreso il suo presidente di allora, mentre l'istituto di Siena nega ogni coinvolgimento dei vertici. "Respingo ogni addebito, ma non posso trascinare l'associazione bancaria in polemiche che mi riguardano", ha scritto Mussari in una lettera. Il prossimo esecutivo dell'Abi è convocato per il 20 febbraio, ma, visti gli sviluppi, è possibile che il comitato si riunisca prima per nominare un nuovo presidente. Per Mps è un colpo tremendo a livello di immagine, ma grazie ai 3,9 miliardi di euro dei Monti bond, in parte derivanti dal gettito Imu, per la banca non dovrebbero esserci rischi.

Foto: Palazzo Altieri (sede dell'Abi) da piazza del Gesù 
(Lalupa) 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

mps, abi,
👥

Articoli correlati

I più visti